Finestra temporale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le finestre temporali sono aperture bilaterali simmetriche, eventualmente presenti su ciascuna "tempia" del cranio degli amnioti, sopra e sotto le ossa sopraorbitale e squamoso, dei quali sono una caratteristica tipica, utile per la classificazione scientifica.

La presenza, il numero e la morfologia delle finestre temporali sono assai importanti per la classificazione tassonomica: si distinguono infatti;

Gli Euryapsida si sono evoluti dai Diapsida, tramite la perdita della finestra temporale inferiore.

In termini di tassonomia, i quattro gruppi sono classificati come segue: Amniota

Le finestre temporali superiori vengono dette finestre sopratemporali, mentre quelle inferiori vengono dette finestre infratemporali.

La fisiologia associa solitamente la comparsa delle finestre temporali con l'aumento del metabolismo e, di conseguenza, anche della muscolatura della mandibola. I primi amnioti del Carbonifero, infatti, non possedevano finestre, mentre i più evoluti sauropsidi e sinapsidi le avevano. In questi ultimi due gruppi, con l'evoluzione, le finestre temporali si allargarono ulteriormente e cambiarono leggermente forma per far posto a una muscolatura più forte, in modo tale da poter dare morsi più potenti e masticare carne o materiale vegetale più coriacei. I dinosauri (facenti parte dei sauropsidi) avevano grosse finestre, così come i loro discendenti, gli uccelli. I mammiferi (che sono sinapsidi), non hanno finestre temporali, ma è presente un'apertura detta orbita temporale e dei muscoli temporali.