Stige (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stige
(134340 Pluto V)
Stige come visto dalla sonda New Horizons il 13 luglio 2015, alla distanza di 632000 km
Stige come visto dalla sonda New Horizons il 13 luglio 2015, alla distanza di 632000 km
Satellite di Plutone
Scoperta 7 luglio 2012
Scopritori M. R. Showalter et al.
Parametri orbitali
(all'epoca J2000)
Semiasse maggiore ~45000 km
Periodo orbitale 20.2 +/- 0.1 giorni
Inclinazione rispetto
all'equat. di Plutone
≈0°
Eccentricità ≈0
Dati fisici
Diametro medio 3,5-2,5 km
Volume

Stige, precedentemente conosciuto come S/2012 (134340) 1 o informalmente P5, è un satellite naturale di Plutone, la cui scoperta è stata annunciata l'11 luglio 2012 da un team di astronomi capeggiato da Mark R. Showalter.

Per scoprire la luna sono stati utilizzati quattordici set di immagini riprese tra il 26 giugno ed il 9 luglio 2012 utilizzando la Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale Hubble. [1] [2]

Immagine del telescopio spaziale Hubble della scoperta del satellite (nel cerchietto), con le orbite delle lune in sovraimpressione. La luminosità di Plutone e Caronte è stata molto diminuita rispetto a quella delle altre lune.

È la quinta luna conosciuta di Plutone nonché la più piccola del sistema plutoniano.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

L'inattesa complessità del sistema di lune che circonda Plutone potrebbe essere il risultato di una collisione tra il pianeta ed un altro corpo massivo della fascia di Kuiper nel lontano passato.[3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il diametro stimato in origine tramite la valutazione della magnitudine era compreso tra i 10 ed i 25 Km, utilizzando come valori estremi di albedo 0.35 e 0.4.

Dopo le misurazioni fornite dalla sonda New Horizons si è scoperto che la luna ha una forma piuttosto irregolare di 5x7 Km. Si ipotizza che il processo di formazione della luna abbia prodotto un corpo composto principalmente da ghiaccio d'acqua.

Il satellite percorre la sua orbita circolare, il cui raggio è circa 45 000 km, in 20,2 giorni. Così come per Cerbero, l'inclinazione orbitale è di circa 0°.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rob Preece, A cosmic discovery: Astronomers using NASA's Hubble Space Telescope find fifth moon orbiting Pluto, su Daily Mail, 11 luglio 2012. URL consultato l'11 luglio 2012.
  2. ^ M.R. Showalter, Weaver, H. A., Stern, S. A., Steffl, A. J., Buie, M. W., Merline, W. J., Mutchler, M. J., Soummer, R. e Throop, H. B., New Satellite of (134340) Pluto: S/2012 (134340) 1, in IAU Circular, vol. 9253, 2012, p. 1, Bibcode:2012IAUC.9253....1S.
  3. ^ Thomas H. II Maugh, Astronomers find fifth moon at Pluto, su Los Angeles Times, 11 luglio 2012. URL consultato l'11 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Satelliti naturali di Plutone Il sistema di Plutone
Componenti del sistema: CaronteStigeNotteCerberoIdra
Voci correlate: PlutoneEsplorazione di Plutone
Crystal Clear app konquest.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare