Stauros Lamprinidīs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stavros Lambrinidis)
Stauros Lamprinidīs
Stavros lamprinidis.jpg

Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Ellenica
Durata mandato 17 giugno 2011 – 11 novembre 2011
Predecessore Dīmītrīs Droutsas
Successore Stauros Dīmas

Eurodeputato
Legislature VI-VII
Gruppo
parlamentare
Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento Socialista Panellenico
Stavros Lambrinidis (cropped).jpg

Stauros Lamprinidīs (in greco Σταύρος Λαμπρινίδης, traslitterato anche Stavros Lambrinidis; Atene, 6 febbraio 1962) è un politico greco, ex membro del Parlamento europeo.

Fa parte del Movimento Socialista Panellenico (PASOK) ed è stato membro del gruppo socialista al Parlamento europeo, vicepresidente della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stauros Lamprinidīs si laurea nel 1984 in scienze politiche e in economia alla Amherst College negli Stati Uniti e in giurisprudenza alla Yale Law School sempre in USA nel 1988. È stato segretario generale per la diaspora greca presso il Ministero degli affari esteri (1996-1999).

Relazione sul rafforzamento della sicurezza e delle libertà fondamentali su Internet[modifica | modifica wikitesto]

Stauros Lamprinidīs ha esposto una relazione sul rafforzamento della sicurezza e delle libertà fondamentali su Internet, datata 25 febbraio 2009 al parlamento europeo. Il testo è stato approvato il 26 marzo 2009[2] e si schiera in difesa della libertà di espressione su internet.

In questa relazione sostiene come internet rappresenti uno strumento unico nel suo genere poiché offre socialmente e culturalmente delle grandi opportunità. Viene anche suggerito ai governi di attenersi a rispettare la privacy degli utenti e viene scoraggiata la violazione della riservatezza che non può essere giustificabile neanche con la lotta al terrorismo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parlamento europeo
  2. ^ http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=TA&reference=P6-TA-2009-0194&language=IT&ring=A6-2009-0103

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]