Stadio Changlimithang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Changlimithang
Changlimethang Stadium Thimphu 080907.jpg
Informazioni
Stato Bhutan Bhutan
Ubicazione Changlimithang, Thimphu
Inizio lavori 1974
Inaugurazione 1974
Costo 223.000.000 BTN
Ristrutturazione 2006
Mat. del terreno Erba sintetica[1]
Area totale 11 ha
Proprietario Regno del Bhutan
Uso e beneficiari
Calcio Nazionale di calcio del Bhutan
Cricket Nazionale di cricket del Bhutan
Capienza
Posti a sedere 25 000

Coordinate: 27°28′17.1″N 89°38′27.8″E / 27.471417°N 89.641056°E27.471417; 89.641056

Lo stadio Changlimithang è un impianto sportivo polivalente situato nella città di Thimphu in Bhutan ed utilizzato come stadio nazionale. L'impianto è utilizzato soprattutto per le gare di tiro con l'arco (sport nazionale) e di calcio. Lo stadio è diventato celebre nel 2002 poiché ha ospitato il match tra la nazionale di calcio del Bhutan e quella di Montserrat al centro del documentario intitolato The Other Final.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia dello stadio è strettamente legata a quella della casa regnante del paese. L'impianto si trova in un'area di grande importanza storica: nel luogo dove oggi sorge lo stadio si svolse nel 1885 una battaglia decisiva che portò in seguito alla proclamazione del primo re del Bhutan (1907), Ugyen Wangchuck[2]. Nello stesso luogo si svolsero le celebrazioni per l'ascesa al trono del terzo re del paese, Jigme Dorji Wangchuck[3].

Lo stadio fu costruito nel 1974 per le celebrazioni dell'incoronazione del quarto Druk Gyalpo, Jigme Singye Wangchuck. In origine la sua capienza era di 10.000 posti; nel 2006 venne sottoposto ad un'opera di ristrutturazione in occasione del centenario del regno della dinastia Wangchuck e per le celebrazioni per l'incoronazione del re Jigme Khesar Namgyal Wangchuck (6 novembre 2008)[4] che ne aumentarono la capienza a 25.000 posti[2]. I lavori di ammodernamento sono costati circa 223 milioni di Ngultrum[3].

Lo stadio ha due ingressi principali ed un edificio separato riservato ai monaci che celebrano le cerimonie. A lato dello stadio è stato costruito un grande parco pubblico[5].

Il 15 dicembre 2012, con una solenne cerimonia a cui ha partecipato anche il sovrano del Bhutan, è stato inaugurato un nuovo manto erboso sintetico. L'opera, costata 900.000 dollari, è stata interamente realizzata grazie al contributo economico della FIFA[1]. La durata dell'erba sintetica è stata stimata in circa 8 anni[6].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Celebrazioni per il compleanno reale allo stadio Changlimithang nel febbraio 2005.

L'impianto è utilizzato per tutte le più importanti manifestazioni sportive del paese, in particolar modo si svolgono i tornei di tiro con l'arco e altre competizioni tradizionali (ad esempio le gare di digor). Accanto allo spazio principale dell'impianto sorgono il campo da calcio, quello da cricket e alcuni campi da tennis e da squash. Lo stadio è utilizzato dalla nazionale di calcio del Bhutan per le partite internazionali ed è anche la sede di tutte le partite del campionato locale di calcio.

Al Changlimithang si svolgono anche le principali feste tradizionali e le celebrazioni legate alla monarchia.

Con la posa del manto erboso sintetico, realizzata alla fine del 2012, i vari campi da gioco che compongono l'impianto sono stati messi a disposizione della popolazione che ha quindi la possibilità di noleggiarli a pagamento per organizzare partite. I soldi ricavati vengono utilizzati per la manutenzione dello stadio e dei campi[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Changlingmethang Artificial Turf, Bhutan Olympic Committee, 20-12-2012. URL consultato il 19-01-2013.
  2. ^ a b (EN) Changlimithang Stadium & Archery Ground, Bhutantour.bt, 24-12-2008.
  3. ^ a b (EN) Historic Changlimithang stadium inaugurated, BBS - Bhutan Broadcasting Service.
  4. ^ (EN) Thimphu crowd bigger than space, Bhutan Observer, 21-11-2008.
  5. ^ (EN) Changlimithang stadium to be completed by May, BBS - Bhutan Broadcasting Service.
  6. ^ a b (EN) Hired out for 14 hours a day, 5 days a week, Kuenselonline.com, 31-12-2012. URL consultato il 19-01-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]