Jigme Dorji Wangchuck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jigme Dorji Wangchuck
50 Ngultrum Vorderseite.jpg
Re del Bhutan
In carica 30 marzo 1952 –
21 luglio 1972
Incoronazione 27 ottobre 1952
Predecessore Jigme Wangchuck
Successore Jigme Singye Wangchuck
Altri titoli XXV Penlop di Paro[1]
Nascita Palazzo Thruepang, Trongsa, 2 maggio 1929
Morte Nairobi, 21 luglio 1972
(43 anni)
Luogo di sepoltura Cremato nel Monastero buddhista Kurjey Lhakhang
Dinastia Dinastia Wangchuck
Padre Jigme Wangchuck
Madre Ashi Phuntsho Choden
Consorte Ashi Kesang Choden
Figli Ashi Sonam Choden Wangchuck
Ashi Dechen Wangmo Wangchuck
Re Jigme Singye Wangchuck
Ashi Pema Lhaden Wangchuck
Ashi Kesang Wangmo Wangchuck
Religione Buddhismo Vajrayāna

Jigme Dorji Wangchuck (Trongsa, 2 maggio 1929Nairobi, 21 luglio 1972) fu re del Bhutan dal 1952 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fin da piccolo fu istruito in lingua inglese e hindi. Salì al trono come terzo Re del Bhutan nel 1952. Durante i suoi vent'anni di regno, il Bhutan divenne uno Stato moderno attraverso un grande sviluppo in tutti i settori. Fu un re lungimirante. Introdusse la riforma agraria e distribuì le terre a coloro che ne erano privi. Proibì la schiavitù. Riorganizzò il sistema giudiziario e istituì l'Alta Corte. Nel 1953, istituì il Tshogdu ossia l'Assemblea Nazionale, il primo Parlamento unicamerale. Nel 1963 istituì il Royal Advisory Council (Consiglio Reale). Durante il suo regno fu introdotto il primo piano di sviluppo economico. Nel 1961, fu adottato il primo piano quinquennale per lo sviluppo economico. Nel 1968 istituì il primo Consiglio dei ministri. Nel corso del suo regno furono costruite strade per 1770 km, le scuole divennero 102 e gli ospedali 6. Nel 1971, istituì una Commissione per la Pianificazione. Nel 1971 il Bhutan fu ammesso alle Nazioni Unite.

È considerato il costruttore del Bhutan moderno. Sposò la Regina Ashi Kesang Choden Wangchuck.[2]

Sofferente di cuore, ebbe il primo attacco di cuore a 20 anni nel 1948 e morì a Nairobi in Kenya nel 1972 a soli 43 anni mentre riceveva cure mediche.

Patrocini[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze del Buthan[1][modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Reale del Buthan - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Reale del Buthan
— 1966

Onorificenze straniere[1][modifica | modifica wikitesto]

Medaglia del giubileo d'argento di Giorgio V (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Giorgio V (Regno Unito)
— 6 maggio 1935
Medaglia dell'Incoronazione di Giorgio VI (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Incoronazione di Giorgio VI (Regno Unito)
— 12 maggio 1937
Padma Vibushan (India) - nastrino per uniforme ordinaria Padma Vibushan (India)
— 14 agosto 1954[3]

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Jigme Dorji Wangchuck, III Re Drago del Bhutan Padre:
Jigme Wangchuck, II Re Drago del Bhutan
Nonno paterno:
Ugyen Wangchuck, I Re Drago del Bhutan
Bisnonno paterno:
Jigme Namgyal, X Penlop di Trongsa e XLVIII Druk Desi del Bhutan *
Trisnonno paterno:
Pila Gonpo Wangyal
Trisnonna paterna:
Sonam Pedzom
Bisnonna paterna:
Pema Choki *
Trisnonno paterno:
Ugyen Phuntsho, VIII Penlop di Trongsa
Trisnonna paterna:
Rinchen Pelmo
Nonna paterna:
Tsundue Pema Lhamo
Bisnonno paterno:
Kunzang Thinley, Dzongpon di Thimphu
Trisnonno paterno:
Dungkar Gyeltsen, XII Penlop di Trongsa
Trisnonna paterna:
?
Bisnonna paterna:
Sangay Drolma
Trisnonno paterno:
Kencho Wangdu
Trisnonna paterna:
?
Madre:
Phuntsho Choden
Nonno materno:
Jamyang, Chumed Zhalgno, della famiglia Tamzhing Choji
Bisnonno materno:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Bisnonna materna:
?
Trisnonno materno:
?
Trisnonna materna:
?
Nonna materna:
Decho Dorji
Bisnonno materno:
Chimi Dorji, Dzongpon di Thimphu
Trisnonno materno:
Pema Tenzing, Penlop di Trongsa
Trisnonna materna:
Lemo
Bisnonna materna:
Yeshay Choden
Trisnonno materno:
Jigme Namgyal, X Penlop di Trongsa e XLVIII Druk Desi del Bhutan *
Trisnonna materna:
Pema Choki *

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re del Bhutan Successore Emblem of Bhutan.svg
Jigme Wangchuck 1952-1972 Jigme Singye Wangchuck
Bhutan Portale Bhutan: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bhutan