Sinapina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sinapina
Sinapin cation structure.svg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC16H24NO5
Massa molecolare (u)310,37
Numero CAS18696-26-9
PubChem5280385
SMILES
C[N+](C)(C)CCOC(=O)C=CC1=CC(=C(C(=C1)OC)O)OC
Indicazioni di sicurezza

La sinapina è un alcaloide che si trova nei semi di alcune specie di piante della famiglia delle Brassicaceae. È stato scoperto nel 1825 dal chimico francese Etienne-Ossian Henry (1798–1873).[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un estere della colina con l'acido sinapico,[2] che può trovarsi in forma semplice nei semi della senape nera (Brassica nigra) o della senape indiana (Brassica juncea), ovvero sotto forma di glucosinolato (sinalbina) nei semi della senape bianca (Sinapis alba).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A. Tzagoloff, Metabolism of Sinapine in Mustard Plants. I. Degradation of Sinapine into Sinapic Acid & Choline, in Plant Physiology, vol. 38, n. 2, 1963, pp. 202-206, PMID 16655775, 10.1104/pp.38.2.202. URL consultato il 20 febbraio 2016.
  2. ^ Ivano Morelli, Guido Flamini, Luisa Pistelli, Manuale dell'erborista. Biosintesi, estrazione e identificazione delle sostanze di origine vegetale, Tecniche Nuove, 2005, p.86. URL consultato il 19 febbraio 2016.