Silvia Boschero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Silvia Boschero (Firenze, 3 gennaio 1972) è una giornalista e conduttrice radiofonica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera di conduttrice radiofonica nel 1995, nell'emittente radiofonica privata toscana Controradio.[1] Ha poi lavorato per Radio Popolare, dove ha condotto insieme a Marina Petrillo la trasmissione Patchanka.[1]

Nel 2001 è approdata a Radio Rai, dove ha condotto, sulla seconda rete, Il cammello di Radio 2.[2] Dopo alcune collaborazioni con Radio 3,[1] è passata su Radio 1 nel 2004, conducendo Village inizialmente con Gerardo Panno e, in seguito, da sola.[1] Dal 2009 al 2014 ha condotto Moby Dick, ancora su Radio 2. Il ritorno a Radio 1 segna l'avvio della stagione di King Kong (2014 - 2017). Chiuso l'esperimento con il "bestione musicale", diventa una delle conduttrici della storica trasmissione Stereonotte.

Come giornalista musicale ha collaborato con la rivista Mucchio selvaggio, mentre dal 1995 al 2014 è stata critico musicale de l'Unità[3]. Nel 2004 ha pubblicato per l'editore Arcana Gilberto Gil. L'immaginazione al potere, con prefazione di Walter Veltroni.

Nel corso della sua carriera ha intervistato diversi artisti musicali di fama internazionale, tra cui Caetano Veloso, Elvis Costello, Yōko Ono, Paul McCartney, Jimmy Page, Robert Plant, Lou Reed.[1]

Attualmente conduce Pandora, il sabato e la domenica dalle 14.30 alle 17 e La versione delle Due, da Lunedi al Venerdi dalle 14.00 alle 16.00 con Andrea Delogu su Radio 2[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Come cominciai? Volevo una maglietta e diventai una conduttrice, in Il Tirreno, 6 aprile 2007. URL consultato il 20 giugno 2017.
  2. ^ Radio 2: le novità del palinsesto, in AdnKronos, 19 settembre 2001. URL consultato il 20 giugno 2017.
  3. ^ Archivio del giornale[collegamento interrotto]
  4. ^ Pandora - Rai Radio 2 - RaiPlay Radio, su Rai. URL consultato il 14 luglio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]