Sigismondo Francesco d'Austria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sigismondo Francesco d'Austria
vescovo della Chiesa cattolica
Giovanni Maria Morandi 002.jpg
Ritratto di Sigismondo Francesco d'Austria, opera di Giovanni Maria Morandi, presso il Kunsthistorisches Museum
Middle Arms of Rudolf II, Matthias and Ferdinand II, Holy Roman Emperors.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato27 novembre 1630 ad Innsbruck
Nominato vescovo27 novembre 1641 da papa Urbano VIII
Deceduto25 giugno 1665 (34 anni) ad Innsbruck
 
Governatore del Tirolo e Arciduca d'Austria
Asburgo
Wappen Gefürstete Grafschaft Tirol.png

Ferdinando II
Figli
Mattia
Massimiliano
Leopoldo V
Ferdinando Carlo
Sigismondo Francesco
Leopoldo
Modifica

Sigismondo Francesco d'Asburgo-Tirolo (Innsbruck, 27 novembre 1630Innsbruck, 25 giugno 1665) è stato un vescovo cattolico, principe vescovo di Trento e un conte del Tirolo dal 1662 al 1665.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo figlio dell'arciduca Leopoldo V d'Austria e di Claudia de' Medici intraprese la carriera ecclesiastica e venne nominato vescovo di Augusta nel 1646 senza essere ordinato sacerdote e vescovo. Nel 1653, divenne vescovo di Gurk e nel 1659 vescovo di Trento.

Alla morte del fratello maggiore, l'arciduca Ferdinando Carlo, gli succedette come governatore del Tirolo e della Bassa Austria. Si dimostrò più abile del fratello e venne reputato un buon governante, ma la sua prematura morte, nel 1665, estinse la linea maschile tirolese degli Asburgo. L'imperatore Leopoldo I, in quanto consorte della nipote Claudia Felicita, ultima della stirpe, prese il diretto controllo sui suoi territori, incorporandoli in quelli della Monarchia asburgica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62331978 · ISNI (EN0000 0000 5337 5966 · LCCN (ENnr2001020608 · GND (DE117654108 · BNF (FRcb16297364z (data) · ULAN (EN500353964 · BAV (EN495/66923 · CERL cnp00390923 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2001020608