Si muore solo da vivi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Si muore solo da vivi
Si muore solo da vivi - Neri Marcorè.png
Neri Marcorè in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2020
Generecommedia, drammatico
RegiaAlberto Rizzi
SceneggiaturaMarco Pettenello e Alberto Rizzi
ProduttoreNicola Fedrigoni e Valentina Zanella
Casa di produzioneK+
Distribuzione in italianoFandango
Interpreti e personaggi

Si muore solo da vivi è un film italiano del 2020 diretto da Alberto Rizzi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Orlando è un quarantenne svogliato ed inconcludente. Vive in una baracca di legno vicino alla riva del Po in un luogo imprecisato della bassa emiliana, (Boretto) tra le province di Modena e Reggio. Quando il terremoto del 2012 gli porta via il fratello e la cognata si trova tutto d’un tratto a doversi prendere delle responsabilità, in primis di prendersi cura della nipote Angelica, che è adolescente. Proprio per il suo bene decide di rimettersi in carreggiata e di trovare un nuovo lavoro, ma nel tentativo incontra casualmente Fredo, una volta suo compagno in una Band musicale, I Cuore aperto, che si era definitivamente sciolta anche per colpa sua. L’incontro fortuito gli farà decidere di chiamare anche gli altri ex membri della band, Ivan, Stringa e Zeno, e rimetterla in piedi. Durante un concerto, però, incontra Chiara, sua ex fidanzata di cui lui è ancora innamorato, che ora sta per sposarsi con un altro uomo. Proprio questo incontro darà ad Orlando un’altra chance di tornare nella vita di Chiara. Ora spetta solo a lui coglierla.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha vinto il premio per la miglior regia al Festival del Cinema Italiano 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema