Shelby Lee Adams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shelby Lee Adams durante un workshop per l'International Center of Photography, New York

Shelby Lee Adams (Hazard, ottobre 1950) è un fotografo statunitense.

È un fotografo di ritratto ambientato molto noto per le sue immagini di vita familiare negli Appalachi.

Vita e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Adams ha fotografato le famiglie degli Appalachi sin dalla metà degli anni 70.[1] Inizialmente fece la conoscenza dei nuclei familiari più disagiati dei monti Appalachi da bambino, visitando l'area con lo zio che era dottore nella zona.[2] Le sue opere sono state pubblicate in tre monografie: Appalachian Portraits (1993), Appalachian Legacy (1998), and Appalachian Lives (2003).

Stile fotografico e approccio con il soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Shelby Lee Adams fotografa in bianco e nero con banco ottico Linhoff 4x5, dorsi Polaroid, Nikon 35 mm e luci flash Comet opportunamente disposte in location. La Polaroid è parte fondamentale del processo, non solo perché viene usata per valutare la riuscita dell'immagine a pellicola, ma anche poiché viene usata per dialogare con il soggetto e costruire con lui la fotografia finale. La Polaroid viene infine lasciata al soggetto stesso come dono-ricordo. L'approccio di Adams è fortemente collaborativo, come spiega lo stesso autore:

«Condividere con la mia gente le immagini nel mentre che vengono fatte e composte (…) ho sempre detto che il mio lavoro è un processo collaborativo. Studiamo l'immagine insieme e lavoriamo insieme per ottenere la fotografia finale.»

Le pose dei suoi soggetti sono tendenzialmente statiche, tradizionali e solenni. I soggetti sono rappresentati così come sono, nell'ambiente fortemente disagiato e duro in cui vivono da due secoli con grande dignità. La maggior parte della sua produzione è in bianco e nero. Recentemente, però, Adams ha cominciato a fotografare a colori, spesso ritraendo i soggetti che aveva ripreso da bambini piccoli. È il caso di Jerry holding first new baby son [Chad Lee], '12 che ritrae il protagonista di The Jacobs Family, 1991, oggi adulto.

Per Adams fotografare la gente degli Appalachi è un ritrovare e ricercare le sue stesse radici. È legato da un profondo sentimento di appartenenza ai luoghi e alle genti dei posti che ritrae e il fotografarli rappresenta un viaggio di scoperta e di ricongiungimento con sé stesso, i suoi ricordi e con la sua infanzia.

«Questi ritratti sono, in certo modo, autoritratti che rappresentano una lunga esplorazione autobiografica di creatività, immaginazione, visione, repulsione e salvezza. La mia più grande paura come fotografo è di guardare negli occhi del mio soggetto, e non vedermici riflesso.»

Il vero significato delle immagini[modifica | modifica wikitesto]

Adams è stato il soggetto di un documentario di Jennifer Baichwal nel 2002 - Il vero significato delle immagini: gli Appalachi di Shelby Lee Adams's. Il documentario fu proiettato al Toronto International Film Festival, e al Sundance Film Festival del 2003.[3][4].

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Libri pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

Collezioni permanenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Foerstner, Abigail (1994) "Appalachia observed: Shelby Lee Adams exhibit features portraits out of a living past", Chicago Tribune, September 25, 1994, p. 18
  2. ^ "Vanishing Tribe", Mother Jones, Sept-Oct 1991, p. 52-55, retrieved 2010-10-18
  3. ^ Goddard, Peter (2002) "Photographer spies on the human drama: Shelby Lee Adams's Appalachian photographs capture undercurrent of pain", Toronto Star, August 31, 2002, p. H12.
  4. ^ Harvey, Dennis (2003) "The True Meaning of Pictures: Shelby Lee Adams' Appalachia", Variety, February 2, 3003, retrieved 2010-10-18
  5. ^ "The Home Funeral, 1990", catalogue entry, Art Institute of Chicago. Accessed 3 August 2011.
  6. ^ a b c "Shelby Lee Adams", Museum of Contemporary Photography. Accessed 3 August 2011.
  7. ^ a b c d e Shelby Lee Adams Archiviato il 28 marzo 2012 in Internet Archive., International Center of Photography. Accessed 3 August 2011.
  8. ^ "The collection", Musée de l'Élysée. Accessed 3 August 2011.
  9. ^ Catalogue search for "Shelby Lee Adams" Archiviato il 23 marzo 2012 in Internet Archive., Harvard Art Museums. Accessed 3 August 2011.
  10. ^ "Works by Shelby Lee Adams Archiviato il 3 ottobre 2012 in Internet Archive.", San Francisco Museum of Modern Art. Accessed 3 August 2011.
  11. ^ Results of a search Archiviato il 3 agosto 2011 in Wikiwix. of the collection, 3 August 2011.
  12. ^ "Berthie Napier with Pipe and John", catalogue entry, Victoria and Albert Museum. Accessed 3 August 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79422137 · ISNI (EN0000 0000 7861 2665 · Europeana agent/base/12373 · LCCN (ENn93042082 · GND (DE119391155 · ULAN (EN500346032 · WorldCat Identities (ENlccn-n93042082
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie