Sestiere (Firenze)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa dei sestieri di Firenze.

Il sestiere fu uno dei sei settori in cui fu divisa la città di Firenze, fino al 1343.

Dal 1173, la suddivisione di Firenze in sei parti, per ragioni amministrative e militari, durò fino al 1343, quando fu deciso di risuddividerla in quattro, creando i quartieri (il quartiere, ovvero una quarta parte della città).

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

In età medievale la città era suddivisa in quartieri che prendevano il nome dalle porte del Duomo, di S. Maria, di S. Piero e di S. Pancrazio.

Nel corso del Duecento Firenze visse il suo apogeo: già tagliata fuori dalla Francigena vi si collegò, effettuando una vera e propria rivoluzione stradale, grazie all'attrattività del suo mercato economico ed alla sicurezza del contado assoggettato da una serie di azioni militari.

Per effetto della immigrazione dal contado di nobili e di rurali e in forza dello sviluppo delle attività artigiane, Firenze si era espansa oltre la cinta delle mura romane ed aveva edificato una nuova cinta protettiva che inglobasse anche i più cospicui "borghi", le aree edificate che insistevano sulle strade di accesso alle porte delle antiche mura, e dei quali rimane traccia in alcuni nomi di strade odierni (Borgo Ognissanti, Borgo Pinti, Borgo San Jacopo, Borgo San Frediano, ecc. e per la prima volta, l'Oltrarno). Le nuove mura triplicarono la superficie della città (da 24 a 75 ettari circa). La nuova suddivisione coinvolse dunque anche i borghi sulla riva sinistra dell'Arno (l'Oltrarno) che tese ad espandersi anche grazie alla costruzione di due nuovi ponti: quello della Carraia nel 1220, dove sboccava il Mugnone, e quello di Rubaconte poi detto "delle Grazie" nel 1237.

Con la nuova cinta muraria, ultimata nel 1250 Firenze è divisa in sestieri, cioè in sei zone (riconoscibili da un'insegna) aventi ciascuna sei Capitani del Popolo. Il popoloso quartiere di Santa Maria fu diviso nei due sesti di San Pier Scheraggio e di Borgo Santi Apostoli e fu inoltre creato il sesto d'Oltrarno. Porta San Pier Maggiore, Porta Duomo, Porta San Pancrazio divennero sesti conservando il loro antico nome, ma incrementando i loro territori, comprendendo oltre alle contrade fra le antiche e nuove mura anche le parrocchie situate dinanzi a queste ultime. Segue la descrizione di Giovanni Villani (La Cronica, libro III,Cap II):

"Sestiere di Oltrarno colla insegna del ponte; San Piero Scheraggio colla insegna del Carroccio, il quale Carroccio di marmi fu recato da Fiesole a Firenze ed è nella fronte di detta Chiesa di San Piero; Borgo colla insegna del becco imperiocché in quello Sesto stavano tutti i beccai e di loro mestiere ed erano a qué tempi molto innanzi alla città; San Brancazio colla insegna della branca di leone per lo nome, Porta del Duomo colla insegna del Duomo, e porta San Piero colla insegne delle chiavi."

I Trentasei capitani del popolo posero le basi della terza costituzione di Firenze che si chiamò “del Primo popolo” perché intesa principalmente a costituire il popolo e renderlo forte contro i nobili di ogni partito. Il capitano del popolo, era considerato come il naturale rappresentante delle forze popolari e come il podestà, ogni Capitano ebbe due Consigli, il generale e il ristretto, o di credenza, come si diceva di preferenza, di 25 persone il primo (totale 150 consiglieri) e di 6 il secondo (totale dei consiglieri 36).

Sestieri[modifica | modifica wikitesto]

Stemma della Città di Firenze

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ parte del territorio di alcune Parrocchie è condiviso fra più Gonfaloni
  2. ^ Riuniva tre Borghi: “l'uno si chiamava e chiama ancora borgo Pidiglioso, perch'era abitato di vile gente, era in capo del detto borgo una porta che’ssi chiamava la porta a Roma, ove sono oggi le case de' Bardi presso a Santa Lucia de' Magnoli e passato il ponte Vecchio, e per quella via s'andava a Roma per lo cammino da Fegghine e d'Arezzo; altre mura non avea al detto borgo se non il dosso delle case di costa al poggio. L'altro borgo era quello di Santa Felicita, detto il borgo di Piazza, che avea una porta ove è oggi la piazza di San Filice, onde va il cammino a Siena; e un altro borgo che’ssi chiamava di Sa’Iacopo, che avea una porta ove sono oggi le case de' Frescobaldi, che andava il cammino a Pisa”. Giovanni Villani Nuova Cronica capitolo VIII.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Artusi, Firenze araldica, Firenze, Polistampa, 2006. ISBN 88-596-0149-5.
  • Orgera, V., G. Balzanetti et al. Firenze: il quartiere di Santo Spirito dai gonfaloni ai rioni. Firenze: Alinea Editrice, 2000.
  • Giovanni Villani, Nova Cronica, Firenze sec. XIV ma Giunti, Venezia 1537 (editio princeps).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Firenze Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze