Sergej Konstantinovič Krikalëv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergej Konstantinovič Krikalëv
Сергей Константинович Крикалёв
Sergei Krikalev.jpg
Cosmonauta della RKA
NazionalitàURSS Unione Sovietica
Russia Russia
Statusritirato
Data di nascita27 agosto 1958
Selezione02/09/1985
Ultimo atterraggio11/10/2005
Altre attivitàIngegnere meccanico
Tempo nello spazio803 giorni, 9 ore e 39 minuti
Numero EVA8
Durata EVA41h 26min
Missioni
Data ritiro27/03/2009

Sergej Konstantinovič Krikalëv, anche scritto Krikalyov e Krikaljov, in russo Сергей Константинович Крикалёв (San Pietroburgo, 27 agosto 1958), è un cosmonauta e ingegnere russo, veterano di sei voli spaziali ritiratosi dall'attività nel 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in ingegneria meccanica presso l’Istituto di Meccanica di Leningrado (oggi Università di Tecnologia di San Pietroburgo) nel 1981. entrato a far parte della NPO Energia nel 1981. Ha collaudato attrezzature per il volo spaziale e sviluppato metodi operativi per la permanenza in orbita. È stato coinvolto in numerose operazioni di controllo da terra di missioni spaziali.

Krikalev è stato selezionato come cosmonauta nel 1985 e ha concluso la sua preparazione di base nel 1986. Successivamente è stato assegnato per un certo periodo al Programma Buran. Nei primi mesi del 1988, ha iniziato l’addestramento per il suo primo volo di lunga durata a bordo della stazione spaziale Mir. È considerato da molti «l'ultimo cittadino dell'Unione Sovietica» dato che tra il 1991 e il 1992 passò 311 giorni, 20 ore ed 1 minuto a bordo della Stazione Spaziale Mir mentre sulla Terra l'Unione Sovietica collassava.[1]

Krikalëv è stato Ingegnere di Volo della missione Soyuz TM-12 partita il 19 maggio 1991, agli ordini del Comandante Anatoly Artsebarsky, terzo membro della missione era l’astronauta britannico Helen Sharman, rientrato a terra dopo una settimana a bordo della Mir insieme all’equipaggio che li aveva preceduti. Rimasti a bordo della stazione spaziale russa, Krikalëv e Artsebarsky hanno condotto sei attività extraveicolari (EVA) nel corso dell’estate, per compiere esperimenti e attività di manutenzione.

Nel luglio 1991, Krikalëv ha accettato di rimanere a bordo della Mir con il ruolo di Ingegnere di Volo anche durante la permanenza del successivo equipaggio, a causa del taglio di uno dei due voli programmati. Krikalëv è tornato a terra il 25 marzo 1992, dopo circa 10 mesi in orbita.La missione di lunga durata a bordo della stazione spaziale Mir infatti coincise con il crollo dell’Unione Sovietica, e favorì la creazione di leggende anche alimentate da alcuni mass media, secondo cui Krikaliēv fosse impossibilitato a rientrare a terra. In realtà egli rimase volontariamente sulla stazione spaziale Mir nell’ambito di un programma di studi volto a raccogliere dati sull’adattamento dell’organismo umano durate voli spaziali di lunga durata.

Dal 3 al 11 febbraio 1994, Krikalev ha partecipato al volo STS-60 dello Shuttle, prima missione congiunta USA/Russia e secondo volo dello Spacehab-2, lo Space Habitation Module-2.

Dal 4 al 15 dicembre 1998, Krikalev ha fatto parte della prima missione di assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale, il volo STS-88 dello Space Shuttle. Nel corso dei 12 giorni in orbita, il modulo statunitense Unity è stato agganciato al modulo russo Zarya.

Krikalev è stato membro del primo equipaggio della Stazione Spaziale. Partiti il 31 ottobre 2000 a bordo di un razzo Soyuz dalla base di lancio di Baikonur, in Kazakhstan, la navicella ha raggiunto senza problemi la stazione spaziale il 2 novembre 2000.

Durante il soggiorno sulla stazione, oltre a preparare gli interni dell’avamposto spaziale per le future missioni, l’equipaggio ha partecipato all’installazione della struttura di base dei pannelli solari statunitensi e del laboratorio statunitense Destiny. Il primo equipaggio è tornato sulla Terra il 21 marzo 2001.

Ha partecipato inoltre alle missione a lunga durata Expedition 1 e Expedition 11 sulla Stazione Spaziale Internazionale. In Expedition 11 assunse inoltre il comando della missione.

Sergej Krikalëv è rimasto nello spazio per oltre 803 giorni 9 ore e 39 minuti in diverse missioni. Il 27.03.2009 è diventato capo della nuova TsPK civile.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua carriera è stato decorato con numerose medaglie, tra cui: eroe dell'Unione Sovietica, Eroe della Federazione Russa e la Legion d'onore.

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica
— 27 aprile 1989
Pilota-Cosmonauta dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Pilota-Cosmonauta dell'Unione Sovietica
— 27 aprile 1989
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
— 27 aprile 1989
Ordine dell'Amicizia tra i Popoli - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia tra i Popoli
«Per la riuscita del volo spaziale sulla stazione spaziale Mir e per la visualizzazione di coraggio e di eroismo»
— 25 marzo 1992

Onorificenze russe[modifica | modifica wikitesto]

Eroe della Federazione Russa - nastrino per uniforme ordinaria Eroe della Federazione Russa
«Per il coraggio e l'eroismo dimostrato durante il volo spaziale prolungato sulla stazione spaziale Mir»
— 11 aprile 1992
Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore
«Per la positiva partecipazione e il raggiungimento di grandi risultati nel primo World Air Games»
— 15 aprile 1998
Ordine al merito per la Patria di IV Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di IV Classe
«Per il coraggio e la professionalità mostrata durante l'esecuzione del volo di lunga durata nello spazio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale»
— 5 aprile 2002
NASA-Krikalev-inside-ISS.jpg
Medaglia commemorativa per il 300º anniversario di San Pietroburgo - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il 300º anniversario di San Pietroburgo
— 2005
Medaglia per i contributi alla conquista dello spazio - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per i contributi alla conquista dello spazio
«Per il suo contributo nel campo della ricerca, dello sviluppo e dell'utilizzo dello spazio esterno e per i tanti anni di lavoro diligente per attività pubbliche»
— 12 aprile 2011

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 1989
NASA Space Flight Medal (3 - Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria NASA Space Flight Medal (3 - Stati Uniti)
— 1996, 1998 e 2001
NASA Distinguished Public Service Medal (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria NASA Distinguished Public Service Medal (Stati Uniti)
— 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sergei Krikalev, l'ostaggio dello spazio | Radio24, in Sergei Krikalev, l'ostaggio dello spazio | Radio24. URL consultato il 17 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]