Salvatore Mannironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salvatore Mannironi
Salvatore Mannironi.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature V
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Circoscrizione Nuoro
Incarichi parlamentari
  • Segretario della Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della "mafia" dal 15 gennaio 1969 al 7 agosto 1969
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV
Collegio Cagliari
Sito istituzionale

Deputato dell'Assemblea Costituente
Collegio XXXI (Cagliari)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Salvatore Mannironi (Nuoro, 10 dicembre 1901Nuoro, 7 aprile 1971) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, esercitò nella sua città la professione di avvocato. Nel 1919 si iscrisse al Partito Popolare Italiano ed ebbe vari incarichi all'interno del PPI: fu delegato regionale della Gioventù cattolica sarda, poi presidente degli uomini cattolici ed infine direttore de L'Avvenire di Nuoro.

Nel 1943 fu arrestato dalla polizia fascista e condotto presso il campo di concentramento di Isernia, dal quale sarebbe stato liberato dopo un anno. Nel dopoguerra fu segretario provinciale della Democrazia Cristiana nel nuorese e venne eletto consigliere e delegato regionale.

Nel 1945 prese parte alla Consulta Nazionale come esponente di spicco della Democrazia Cristiana e quindi eletto deputato all'Assemblea Costituente nel 1946. Membro della Commissione dei 75, profuse il suo impegno nei lavori della II sottocommissione (ORDINAMENTO COSTITUZIONALE DELLO STATO), nella quale si distinse come valido giurista.

Ininterrottamente eletto alla Camera dalla I alla IV legislatura, divenne Senatore nel 1968 in seguito ad una Rivoluzione interna alla Democrazia Cristiana Nuorese, dalla quale uscì vincitore il giovane consigliere regionale Ariuccio Carta (a capo del gruppo dei Giamburrasca), che assurse alla carica di Deputato precedentemente detenuta dallo stesso Mannironi.

Per vari anni presidente della Camera di Commercio e consigliere comunale di Nuoro, fu ministro della Marina Mercantile nel governo Colombo: morì mentre era ancora in carica ed il suo posto fu occupato da Gioacchino Attaguile.

Controllo di autorità VIAF: (EN44362863 · LCCN: (ENn95090291 · SBN: IT\ICCU\RAVV\052351 · ISNI: (EN0000 0000 6156 3369 · GND: (DE119110008 · BNF: (FRcb12294958d (data)