Salahuddin di Selangor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salahuddin di Selangor
Salahuddin Abdul Aziz (1965).jpg
Il sultano ricevuto insieme alla moglie nel Palazzo Soestdijk dalla regina Giuliana dei Paesi Bassi il 7 luglio 1965.
Yang di-Pertuan Agong della Malesia
In carica 26 aprile 1999 - 21 novembre 2001
Investitura 23 settembre 1999
Predecessore Jaafar di Negeri Sembilan
Successore Tuanku Syed Sirajuddin
Sultano di Selangor
In carica 3 settembre 1960 - 21 novembre 2001
Incoronazione 28 giugno 1961
Predecessore Hisamuddin
Successore Sharafuddin
Nome completo Salahuddin Abdul Aziz
Nascita Istana Bandar Temasya, Kuala Langat, 8 marzo 1926
Morte Gleneagles Intan Medical Centre, Kuala Lumpur, 21 novembre 2001
Luogo di sepoltura Mausoleo Reale di Klang, 22 novembre 2001
Padre Sultan Hisamuddin
Madre Ampuan Raja Jemaah
Coniugi Raja Nur Saidat ul-Ihsan (? - 1946, div.)
Che' Mahiran (? - 1954, div.)
Sharifa Salmah (? - 1962)
Tengku Ampuan Rahimah (? - 1993, def.)
Permaisuri Siti Aishah Abdul Rahman (? - 2001)
Figli Nor Halija
Sultan Sharafuddin Abdul Aziz Shah
Sofiah
Sulaiman
Shah
Zahariah
Fatimah
Abdul Samad
Arafiah
Aishah
Ahmad Shah
Nor Marina
Nor Zehan
Religione Islam

Salahuddin Abdul Aziz (Kuala Langat, 8 marzo 1926Kuala Lumpur, 21 novembre 2001) è stato Yang di-Pertuan Agong (Capo supremo) della Malesia dal 1999 alla morte.[1]

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Tengku Abdul Aziz Shah è nato l'8 marzo 1926 nel palazzo di Istana Bandar Temasya a Kuala Langat, figlio maggiore del sultano Hisamuddin e della suo consorte reale Tengku Ampuan Jemaah.

Ha ricevuto l'educazione primaria alla Pengkalan Batu Malay School di Klang dal 1934. Dal 1936, ha approfondito i suoi studi al Malay College Kuala Kangsar fino al 1941 quando cominciò la seconda guerra mondiale. Dopo il conflitto, nel 1947, si recò in Inghilterra per studiare presso la Scuola di Studi Orientali e Africani dell'Università di Londra per due anni.[2]

Al suo ritorno in patria, ha servito presso il Dipartimento della funzione pubblica come allievo ufficiale. In seguito ha lavorato come ispettore scolastico per otto anni.[3]

Nel 1952, ha frequentato un corso di breve termine al Malay Military Troop di Port Dickson per sei mesi ed è stato incaricato nella Queen Commission con il grado di capitano. In seguito è stato promosso al grado di maggiore.

Sultano[modifica | modifica wikitesto]

Salahuddin Abdul Aziz Shah è stato nominato Tengku Laksamana di Selangor il 1° agosto 1946 e poi Raja Muda (principe ereditario) di Selangor il 13 maggio 1950.

Il 3 settembre 1960, qualche giorno dopo la morte del padre è diventato l'ottavo Sultano di Selangor con il titolo Salahuddin Abdul Aziz Shah. È stato poi incoronato il 28 giugno 1961.

Il 1° febbraio 1974 Salahuddin ha firmato la cessione di Kuala Lumpur al governo centrale per formare un territorio federale.[4] Il sultano ha pianto dopo la firma essendo egli molto affezionato e orgoglioso della città, ma dichiarò di averlo fatto per il bene della Malesia. L'arco Kota Darul Ehsan fu eretto lungo la strada principale, al confine tra Kuala Lumpur e Selangor, per commemorare l'evento nel 1981.

Il monarca è stato uno dei fondatori di Shah Alam, la nuova capitale dello stato nel 1978. Egli ha detto che il Selangor, per diventare uno stato moderno, avrebbe avuto bisogno di una nuova capitale. Klang è stata la capitale dello stato dopo la cessione di Kuala Lumpur. Molti edifici e strade a Shah Alam gli sono state intitolate.

Il 26 aprile 1984 Salahuddin è stato nominato comandante in capo della Marina Militare malese al posto della posizione di colonnello in capo della Forza Aerea malese che ricopriva dal 1966.

Salahuddin aveva il grado di maresciallo della Forza Aerea Malese, maresciallo dell'Esercito malese e ammiraglio della flotta della Marina Militare come da disposizioni costituzionali.[5] Ciò lo ha reso il secondo ufficiale militare reale a diventare comandante in capo delle forze armate.

Yang di-Pertuan Agong[modifica | modifica wikitesto]

Salahuddin di Selangor è stato eletto undicesimo Yang di-Pertuan Agong il 26 aprile 1999. È stato investito ufficialmente l'11 settembre successivo.

La cessione di Putrajaya, che un tempo era parte del territorio di Selangor, al governo centrale per diventare un territorio federale si è verificato durante il suo regno come re supremo, nel 2001. Gli è stata poi dedicata la via principale della città.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Salahuddin Abdul Aziz Shah si è sposato quattro volte.

La sua prima moglie era una cugina, Raja Nur Saidatul Ihsan binti Tengku Bendahara Badar, da cui avrebbe poi divorziato. Dal matrimonio sono nati:

  • Tengku Né Halija;
  • Tengku Idris Shah, poi sultano;
  • Tengku Puteri Sofiah;
  • Tengku Panglima Diraja Sulaiman Shah;
  • Tengku Puteri Zahariah (Ku Yah);
  • Tengku Fatimah;
  • Tengku Panglima Besar Abdul Samad;
  • Tengku Puteri Arafiah;
  • Tengku Puteri Aishah.

Dalla seconda moglie, Che Maheram bint Muhammad Rais, ha avuto:

  • Tengku Indra Setia Ahmad Shah.

Dalla sua consorte reale, Tengku Ampuan Rahimah bint Sultan Abdul Aziz Shah, morta nel 1993 prima della sua elezione a Yang di-Pertuan Agong, ha avuto:

  • Tengku Puteri Né Marina;
  • Tengku Puteri Né Zehan.

La sua ultima moglie, la borghese Tuanku Siti Aishah Binti Abdul Rahman ha servito come Raja Permaisuri Agong. Essendo di cinquanta anni più giovane di lui, è stata anche la più giovane ad occupare quell'ufficio, avendo al momento dell'elezione del marito ventinove anni. Da questa unione non sono nati figli

Hobby e interessi[modifica | modifica wikitesto]

Salahuddin Abdul Aziz Shah era un appassionato sportivo. Il suo interesse per il golf era ben noto all'interno e all'esterno del paese. Il sultano amava anche la vela, la raccolta di auto d'epoca, l'allevamento di animali e la cura delle orchidee. Gli piaceva anche visitare i paesi stranieri per ampliare la sua conoscenza ed esperienza.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver regnato, come Yang di-Pertuan Agong, per due anni e sei mesi, è deceduto il 21 novembre 2001 presso il Gleneagles Intan Medical Centre di Kuala Lumpur. Due mesi prima della morte, aveva subito un intervento al cuore per il posizionamento di un pacemaker da cui non si era mai ripreso pienamente.[6] Il giorno dopo, fu sepolto nel Mausoleo Reale vicino alla Moschea del sultano Sulaiman a Klang.[7]

Onorificenze[8][modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze malesi[modifica | modifica wikitesto]

Gran maestro e Cavaliere dell'ordine della Real casa di Malesia - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro e Cavaliere dell'ordine della Real casa di Malesia
Gran maestro dell'ordine della Corona del reame - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine della Corona del reame
Gran maestro dell'ordine del Difensore del reame - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine del Difensore del reame
Gran maestro dell'Ordine della Lealtà alla Corona di Malesia - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine della Lealtà alla Corona di Malesia
Gran maestro dell'Ordine al merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine al merito
Gran maestro dell'Ordine del servizio militare - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del servizio militare
Gran maestro dell'Ordine dell'eroismo della polizia - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine dell'eroismo della polizia
Gran maestro dell'Ordine del servizio distinto - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine del servizio distinto
Gran maestro dell'ordine della Casa reale - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'ordine della Casa reale

Onorificenze di Selangor[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Famigliare Reale di Selangor - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Famigliare Reale di Selangor
Gran Maestro dell'Ordine della Corona di Selangor - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Corona di Selangor
Gran Maestro dell'Ordine del Sultano Salahuddin Abdul Aziz Shah - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Sultano Salahuddin Abdul Aziz Shah

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine famigliare reale della Corona del Brunei - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine famigliare reale della Corona del Brunei
Medaglia di Al Khalifah (Baharain) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Al Khalifah (Baharain)
Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia)
Cavaliere dell'Ordine del Rajamitrabhorn (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Rajamitrabhorn (Thailandia)
— 2001

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Making Of Galeri Diraja Sultan Abdul Aziz, Klang, Pertubuhan Arkitek Malaysia CPD Committee 2007, Laurent Lim Aun Giap
  2. ^ Ruler with 'heart of the people', 21 November 2001, BBC News
  3. ^ King of Malaysia dies, 21 November 2001, BBC News
  4. ^ The Nation Mourns The Passing Of A Great Ruler 24 November 2001, MySinchew.com
  5. ^ Alagappa, Coercion and Governance: The Declining Political Role of the Military in Asia, pg 267
  6. ^ Malaysian King Aziz Shah dead, Kuala Lumpur, 21 November 2001, The Tribune
  7. ^ Thousands mourn Malaysia's king, 22 November 2001, BBC News
  8. ^ Royal Ark