SMS Sankt Georg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SMS Sankt Georg
SMS St.GEORG.jpg
Il Sankt Georg nel 1914
Descrizione generale
Flag of Archduchy of Austria (1894 - 1918).svg
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Incrociatore corazzato
Classe unica
Proprietà k.u.k. Kriegsmarine
Royal Navy
Cantiere Arsenale del Mare, Pola, Austria-Ungheria
Impostazione 11 marzo 1901
Varo 8 dicembre 1903
Entrata in servizio 21 luglio 1905
Destino finale Demolita nel 1920
Caratteristiche generali
Dislocamento normale 7.290 t, pieno carico 8.070 t
Lunghezza 124,3 m
Larghezza 19 m
Pescaggio 6,83 m
Propulsione 12 caldaie Yarrow - 2 motrici alternative a 4 cilindri verticali a triplice espansione, potenza 14.860 ihp, 2 eliche
Velocità 22 nodi (41 km/h)
Capacità di carico 100 t di carbone
Equipaggio 621
Armamento
Armamento
  • 2 pezzi singoli da 240 mm. con canna da 40 calibri
  • 5 pezzi singoli Škoda 19 cm Vz. 1904 con canna da 42 calibri
  • 4 pezzi singoli da 150 mm. con canna da 40 calibri
  • 9 pezzi singoli da 76 mm. con canna da 45 calibri
  • 2 pezzi da sbarco da 70 mm.
  • 2 mitragliere da 8 mm.
  • 2 tubi lanciasiluri Fiume Mk 2 da 450 mm.
Corazzatura
  • cintura da 60 a 210 mm.

*ponte da 40 a 50 mm.

*torrione 200 mm.

dati presi da Agenziabozzo.it[1]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

La SMS Sankt Georg[2], in ungherese Szent Gyorgy (San Giorgio), fu un incrociatore corazzato della Marina Imperiale Austro-Ungarica, prima ed unica unità della sua classe, ed in servizio durante la prima guerra mondiale.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

La nave venne costruita in risposta agli incrociatori italiani della Classe Giuseppe Garibaldi.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1905 la nave partecipò alla squadra navale internazionale nel Levante insieme all'incrociatore leggero SMS Szigetvár. Nel 1907 insieme con l'SMS Aspern andò negli Stati Uniti per commemorare i 300 anni della città di Jamestown in Virginia. Nel 1913 effettuò delle crociere di pattugliamento durante la seconda guerra balcanica.

Durante la prima guerra mondiale, con l'impero germanico ancora neutrale, la nave accolse la SMS Goeben e la SMS Breslau che si dirigevano a Pola per riparazioni. La nave prese parte a varie incursioni sulla costa adriatica; in particolare:

  • il 18 giugno 1915 insieme alla SMS Szigetvár attaccò le città di Rimini e Pesaro e la zona del Metauro;
  • il 3 febbraio 1916 guidò una squadra formata da tre cacciatorpediniere e due torpediniere che bombardò Ortona e San Vito Chietino e venne affrontato da un treno armato della Regia Marina munito di pezzi da 152/40 che con la sua controbatteria costrinse le navi ad interrompere l'azione[3]. Secondo altre fonti, alla squadra si accompagnava anche l'incrociatore SMS Helgoland[4];
  • Nella notte tra il 28 e il 29 agosto partecipò ad un attacco della flotta contro la costa italiana.

L'incrociatore prese parte anche all'attacco del canale d'Otranto il 14 e 15 maggio 1917, cui gli Alleati avevano posto un blocco prevalentemente in funzione antisommergibile; durante l'attacco furono comunque affondati 14 drifters alleati. Il Santk Georg era a capo del gruppo di supporto distante agli incrociatori leggeri della classe Helgoland impegnati nell'azione diretta. Gli incrociatori britannici intervenuti con una scorta di cacciatorpediniere italiani e francesi colpirono il Novara e si lanciarono all'inseguimento, dal quale si disimpegnarono solo quando un ufficiale italiano segnalò l'uscita di pesanti forze austro-ungariche da Cattaro mentre il Saida trainò il Novara in porto riuscendo nel salvataggio[5]. La manovra riuscì proprio grazie alla presenza del Sankt Georg che, con i suoi cannoni da 240mm rappresentava una minaccia troppo grande per gli incrociatori britannici armati con cannoni da 6" (155mm).

Il Sankt Georg venne radiato il 4 aprile 1918 dopo la fine della prima guerra mondiale, e ceduto alla Royal Navy nel 1920 in conto riparazioni dei danni di guerra [1]. La nave è stata venduta a demolitori italiani nel 1921 e demolita successivamente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Notizie storiche sull'incrociatore SMS Szent Gyorgy, agenziabozzo.it. URL consultato il 13 febbraio 2012.
  2. ^ In lingua tedesca nei nomi di unità navali, "SMS" è l'acronimo di '"Nave di sua Maestà".
  3. ^ Marina Militare
  4. ^ Erwin S. Sieche: Die Kreuzer der k. und k. Marine (= Marine-Arsenal mit internationalen Flottennachrichten und Marinerundblick 27). Podzun-Pallas u. a., Wölfersheim-Berstadt u. a. 1994, ISBN 3-7909-0506-2.
  5. ^ Halpern, p. 164

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Favre, La Marina nella Grande Guerra, 2008ª ed., Udine, Gaspari, ISBN 978-88-7541-135-0.
  • (HU) Halpern Paul G.; Otrantói ütközet. Győr, Laurus Kiadó, 2007. ISBN 978-963-87585-3-8
  • Achille Rastelli; Alessandro Massignani, La guerra navale 1914 - 1918, Valdagno, Gino Rossato Editore, 2002, ISBN 88-8130-086-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina