SMS Admiral Spaun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SMS Admiral Spaun
Admiral Spaun.jpg
Descrizione generale
Flag of Archduchy of Austria (1894 - 1918).svg
Tipo incrociatore leggero
Classe unica
Proprietà Austria-Hungary-flag-1869-1914-naval-1786-1869-merchant.svg imperiale e regia Marina
Cantiere Arsenale di Pola
Impostazione 30 maggio 1908
Varo 30 ottobre 1909
Completamento 15 novembre 1910
Radiazione 1920
Destino finale demolita in Italia nel 1922
Caratteristiche generali
Dislocamento 3383
Stazza lorda 3943 tsl
Lunghezza 130,6 m
Larghezza 12,8 m
Pescaggio m
Propulsione Vapore:
Velocità 27 nodi (50 km/h)
Autonomia 1600 miglia a 24 nodi
Equipaggio 327
Armamento
Armamento artiglieria:
  • 7 cannoni singoli Skoda 100/50mm
  • 1 cannone 71/50mm

Siluri:

Corazzatura ponte 20mm
cintura 60mm
artiglierie 40mm
torrione 50 mm

[senza fonte]

voci di incrociatori presenti su Wikipedia

L'incrociatore leggero della Marina Imperiale Austro-Ungarica SMS Admiral Spaun fu l'unico della sua classe, da cui sarebbero successivamente derivati gli incrociatori della Classe Helgoland, che ebbero un diverso apparato di propulsione e un armamento più potente.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

La sua costruzione avvenne all'Arsenale di Pola, dove venne impostato sugli scali il 30 maggio 1908. Dopo il varo, avvenuto il 30 ottobre 1909 venne completato il 15 novembre 1910.

Nel corso della prima guerra mondiale prese parte ad alcuni bombardamenti contro le coste adriatiche italiane. Al termine del conflitto venne assegnato nel 1920 ai britannici in conto riparazioni danni di guerra. La nave fu rivenduta ai demolitori italiani e demolita in Italia nel 1922.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome della nave deriva da quello di Hermann Spaun, che dal 1897 fu comandante in capo della marina austro-ungarica e capo della sezione navale del ministero austro-ungarico della guerra. Spaun si ritirò nel 1904, protestando contro il rendirizzamento di larga parte dei fonti destinati alla marina verso il riarmo dell'esercito; i suoi incarichi passarono al Montecuccoli. Il momento in cui la nave gli venne dedicata coincise con la prima volta in cui una unità della marina asburgica fu battezzata in onore di una persona vivente che non appartenesse alla famiglia imperiale. Spaun non mancò di presenziare alla cerimonia di battesimo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Conway's All the World's Fighting Ships 1906-1922

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina