Rodolfo III da Varano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Signori e Duchi di Camerino
Da Varano
Stemma varano di camerino.jpg

Gentile I
Figli
Berardo I
Figli
Rodolfo I
Figli
  • Giovanni
  • Sigismondo
  • Berardo
  • Ismaduccio
  • Nuccio
Gentile II
Figli
Berardo II
Figli
Rodolfo II
Giovanni I
Figli
  • Ciondolina
  • Niccolò (naturale)
  • Luca
Gentile III
Figli
Rodolfo III
Figli
Piergentile
Figli
Giovanni II
Rodolfo IV
Figli
Giulio Cesare
Figli
Venanzio
Figli
Giovanni Maria (Duca)
Figli
  • Rodolfo
  • Giulio Cesare
  • Cornelia
Giulia (Duchessa)
Figli
Modifica

Rodolfo III da Varano (... – Castello di Beldiletto, 1424) è stato un condottiero e politico italiano, fu signore di Camerino dal 1399 a 1424.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Gentile III da Varano e di Teodora Salimbeni.

Nel 1376 fu governatore di Macerata e nel 1385 ne divenne podestà. Nel 1395 fu al servizio dei fiorentini contro Forlì. Nel 1399, alla morte del padre e contrastato dai parenti, divenne signore di Camerino con conferma da parte del papa Bonifacio IX. Nel 1414 combatté contro Perugia, con l'appoggio di Braccio da Montone, che nel 1416 entrò in Perugia da vincitore.

Con l'elezione del 1417 di papa Martino V nel concilio di Costanza, concilio che doveva risolvere lo scisma prodottosi all'interno della Chiesa a seguito del trasferimento della curia da Avignone a Roma, Rodolfo venne confermato nei suoi territori. In quell'anno venne scoperta una congiura contro i Da Varano, ma fallì e gli oppositori eliminati.

Nel 1421 cercò di liberare il figlio Berardo, prigioniero nella torre di Nocera Umbra.

Rodolfo morì nel 1424 nel castello di Beldiletto,[1] anche in seguito della perdita del genero Braccio da Montone,[2] perito nella battaglia dell'Aquila il 5 giugno dello stesso anno.

Alcuni anni dopo la sua scomparsa, la lotta per il potere scatenata all'interno della famiglia culminò nell'eccidio dei Varano (1434).

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Rodolfo si sposò tre volte e ebbe numerosi figli:[3]

  • con una figlia di Pagnone Cima di Cingoli
  • Antonio, monaco
  • Ansovino (?-1407)
  • Venere, sposò il condottiero Diodoro Petrelli
  • Ansovina, sposò Pandolfo Malatesta di Fano
  • Luca (?-1403?)
  • Rinaldo (?-1407)
  • Palutilla (?-1409?)
  • Ercole (?-1410?)
  • Livia (?-1420?)

Rodolfo III ebbe anche molti figli naturali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Condottieri di ventura. Rodolfo da Varano.
  2. ^ La figlia Nicolina sposò in seconde nozze il famoso condottiero.
  3. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Varano da Camerino, Torino, 1835.
  4. ^ Geneanet.org. Elisabetta Malatesta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Varano da Camerino, Torino, 1835.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]