Roberto Di Meglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Roberto Di Meglio (Pisa, 29 marzo 1966) è un autore di giochi italiano.

Oltre a quella di autore, ha svolto e svolge attività di editore di giochi da tavolo e giochi di ruolo.

Tra le altre attività svolte nell'ambito dell'editoria fantasy e fantascientifica, ha tradotto racconti per l'Isaac Asimov's Science Fiction Magazine (edizione italiana dell'omonima rivista statunitense) e pubblicato articoli sulla rivista tolkieniana Endore; ha inoltre sostenuto, attraverso Nexus Editrice, le attività del Trofeo RiLL.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Completa la laurea in Scienze dell'Informazione nel 1990 (con una tesi su calcolo parallelo e intelligenza artificiale)[1]. Nel 1994 consegue il dottorato di ricerca in Informatica, sempre occupandosi di calcolo parallelo[2].

La sua attività professionale nel mondo del gioco inizia nel 1987 con l'organizzazione di eventi [3] e con la pubblicazione della fanzine Crom!, prima in proprio, poi in collaborazione con la casa editrice Black-Out di Modena, collaborazione che durerà fino al 1990.

Nel 1991, insieme a Marcello Missiroli e Simone Peruzzi, fonda la rivista Kaos, edita dalla bolognese Granata Press, per molti anni la più importante rivista italiana dedicata al mondo del gioco di ruolo, che dirigerà fino a quando, nel 2002, la rivista interrompe le pubblicazioni con il suo numero 75.

Nel 1993 fonda, in società con la stessa Granata Press e con gli altri redattori di Kaos, la Nexus Editrice[4], azienda che per oltre 15 anni avrà un ruolo fondamentale nello sviluppo del gioco intelligente in Italia. Al 1994 risale l'abbandono definitivo dell'attività di informatico e l'impegno a tempo pieno nel mondo del gioco.

Nel 2006 è tra i fondatori di Giochi Uniti, oggi una delle ditte leader nella distribuzione di giochi da tavolo in Italia.

Nel 2011 riceve il Best of Show alla Carriera[5] conferito dalla manifestazione Lucca Comics & Games.

Dal 2011 è direttore di produzione della Ares Games, oltre a continuare la propria attività come autore di giochi.

I giochi[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco più importante che ha ideato è La Guerra dell'Anello, un gioco di strategia basato sul romanzo Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien. Il gioco, realizzato in collaborazione con Marco Maggi e Francesco Nepitello, ha conseguito riconoscimenti internazionali[6] ed è stato votato dagli utenti del sito BoardGameGeek[7] come uno dei migliori venti giochi da tavolo di tutti i tempi. L'espansione del gioco, "Battaglie della Terza Era" è stata nuovamente finalista, nel 2006, degli International Gamers Award. È stato tradotto in 8 lingue.

Come autore di giochi, compare quattro volte nell'Albo d'Oro di Lucca Comics & Games[8], la principale manifestazione ludica italiana: oltre al già citato La Guerra dell'Anello vincitore nel 2004, ha vinto infatti il premio "Best of the Best" nel 2006 per il gioco Marvel Heroes, di cui è coautore, mentre L'Era di Conan ha ricevuto nel 2009 il premio come "Miglior Progetto Editoriale". È citato anche in quanto uno dei coautori de Il Gioco di Ruolo di Ken il Guerriero, premiato come "Miglior Gioco Originale" nel 1995.

Il suo gioco per bambini Rattlesnake è stato segnalato come "gioco consigliato" dal prestigioso premio "Spiel des Jahres" tedesco (Empfehlungsliste Kinderspiel des Jahres 2008).

Ludografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A. Camilli e R. Di Meglio, "Sistemi a Classificatori su Architetture a Parallelismo Massiccio", Pisa, 1990
  2. ^ R. Di Meglio, "Dynamic Computations in Massively Parallel Programming Models", Pisa, 1994
  3. ^ Grifo Con, 1ª Convention italiana di giochi di Ruolo, 1987
  4. ^ Giocabolario, Quelli che il gioco
  5. ^ "Best of Show: i vincitori - Lucca Comics & Games 2011"
  6. ^ Best of Show Lucca Comics & Games (Miglior gioco originale) 2004; International Gamers Award (Best 2-player strategy game) 2005
  7. ^ Sito
  8. ^ Albo d'Oro

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Schede informative[modifica | modifica wikitesto]

Interviste[modifica | modifica wikitesto]

Video interviste[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie