Renzo Davoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renzo Davoli

Renzo Davoli (Bologna, 19 febbraio 1964) è un accademico e hacker italiano. È tra i principali esponenti del software libero in Italia.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È professore associato di informatica all'Università di Bologna, nella quale insegna Sistemi Operativi e Progettazione di Sistemi Operativi, e direttore scientifico del Master in Scienze e Tecnologie del software libero.

La sua attività di ricerca è incentrata sui sistemi virtuali (Macchine virtuali [2], reti virtuali), privacy nei protocolli di comunicazione, sistemi di simulazione per la didattica dei sistemi operativi. Coordina le reti e i sistemi del Dipartimento di Scienze dell'Informazione nell'ateneo.

È un hacker e un attivista del software libero in Italia; la sua divulgazione verte principalmente contro la brevettabilità del software. Davoli è stato promulgatore di una proposta di liberalizzazione, spinta da una petizione online, che puntava a garantire a chi acquistasse un personal computer la possibilità di acquistare il solo hardware rinunciando al software preinstallato - soprattutto al sistema operativo - e a mantenere distinti i prezzi dei due componenti. È stato inoltre il creatore del progetto "FreeOsZoo".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Glorioso, Il software libero in Italia, ShaKe, 2009. ISBN 978-88-88865-76-8.
  2. ^ Sito del progetto Virtual Square.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]