Francesco Profumo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Profumo
Francesco Profumo.jpg

Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca
con delega all'Innovazione tecnologica
Durata mandato 16 novembre 2011 –
28 aprile 2013
Presidente Mario Monti
Predecessore Mariastella Gelmini
Successore Maria Chiara Carrozza

Dati generali
Partito politico Indipendente

Francesco Profumo (Savona, 3 maggio 1953) è un accademico e politico italiano, ex presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013. Presidente di Iren SpA dal 2013..

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Profumo si è laureato nel 1977 in ingegneria elettrotecnica presso il Politecnico di Torino. Ha iniziato la carriera nel 1978 nella ricerca e sviluppo all'Ansaldo di Genova. Nel 1985 si trasferisce a Torino dove intraprende la carriera di ricercatore universitario e nel 1995 diviene professore ordinario nel settore convertitori, macchine ed azionamenti elettrici nello stesso ateneo. È preside della prima facoltà di ingegneria dello stesso Politecnico dal 2003 al 2005 e dal 1º ottobre 2005 ne diviene rettore. Profumo ha pubblicato oltre 250 articoli.

Nel 2011 ha rifiutato la candidatura a sindaco di Torino per il centrosinistra[1].

Già membro del CdA di Reply, di FIDIA S.p.A., Unicredit Private Bank[2], il 12 aprile 2011 è stato nominato membro del consiglio di amministrazione di Telecom Italia[3]. Svolge inoltre ruoli di Consigliere per Il Sole 24 Ore e di Pirelli & C.[4]; è membro del comitato di indirizzo di Italianieuropei[5]. Il 13 agosto 2011 è stato nominato presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche[6].

Ministro dell'istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Profumo e Giorgio Napolitano ad un convegno nel novembre del 2011.

Il 16 novembre 2011 è stato nominato Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca del governo Monti[7].

Il 30 gennaio 2012 Profumo rassegna le dimissioni da Presidente del CNR (dopo essere stato nominato pochi mesi prima dall'ex ministro dell'istruzione Mariastella Gelmini), la cui nomina è designata dal Governo, dopo le polemiche scatenate sulla contemporanea carica di ministro. Prima della nomina ministeriale Profumo si autosospende lasciando la gestione delle sue deleghe al vicepresidente.

Dopo l'incarico ministeriale[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2013 Francesco Profumo viene nominato presidente della società energetica Iren. Il 13 dicembre 2014 viene nominato presidente della Fondazione Bruno Kessler di Trento ed il 5 settembre 2014 viene nominato presidente della Scuola di Alta Formazione al Management (SAFM) di Torino[8]. Il 18 maggio 2015 è stato nominato presidente del CdA di INWIT, Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A., società del gruppo Telecom Italia. [9]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Profumo, A. Tenconi, S. Facelli, B. Passerini, "Implementation and Validation of a New Thermal Model for Analysis, Design and Characterization of Multichip Power Electronics Devices", IEEE Transactions on Industry Applications, vol. 35, n. 3, maggio/giugno 1999, pagg. 663–669.
  • F. Profumo, A. Tenconi, S. Facelli, B. Passerini, "Instantaneous Junction Temperature Evaluation of High-Power Diodes (Thyristors) During Current Transients", IEEE Transactions on Power Electronics, vol. 14, n. 2, marzo 1999, pagg. 292–299.
  • S. Gair, F. Eastham, F. Profumo, "Permanent Magnet Brushless DC Drives for Electric Vehicles", Electromotion Journal, vol. 2, n. 4, dicembre 1995, pagg. 173–179.
  • G. Griva, T. Habetler, M. Pastorelli, F. Profumo, "Performance Evaluation of a Direct Torque Controlled Drive in the Continuous PWM-Square Wave Transition Region", IEEE Transactions on Power Electronics, luglio 1995, vol. 10, n. 4, pagg. 464–471.
  • A. Boglietti, P. Ferraris, M. Lazzari, F. Profumo, "Test Procedures for Very High Speed Spindle Motors", Electric Machines and Power Systems Journal, vol. 23, n. 4, luglio/agosto 1995, pagg. 443–458.
  • A. Boglietti, P. Ferraris, M. Lazzari, F. Profumo, "Energetic Behaviour of Soft Magnetic Materials in the Case of Inverter Supply", IEEE Transactions on Industry Applications, settembre/ottobre 1994, vol. IA-30, n. 6, pagg. 1580–1587.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www3.lastampa.it/politica/sezioni/articolo/lstp/377844/ Lettera di Profumo alla cittadinanza, La Stampa, 28/11/2010
  2. ^ Crui: Conferenza dei Rettori delle Università italiane - Atenei e Rettori CRUI: Francesco Profumo
  3. ^ Francesco Profumo (PDF), telecomitalia.com, 28 aprile 2011. URL consultato il 4 agosto 2011.
  4. ^ PIRELLI - Francesco Profumo, It.pirelli.com, 19 maggio 2011. URL consultato il 4 agosto 2011.
  5. ^ Buon lavoro, 18 novembre 2011.
  6. ^ Cnr, Francesco Profumo nominato presidente da Gelmini, www.ansa.it, 13 agosto 2011. URL consultato il 13 agosto 2011.
  7. ^ Profumo e Fornero ministri Torino torna nel governo, Repubblica, 16 novembre 2011
  8. ^ Scuola di Alta Formazione al Management, Nomina del Prof. Profumo a presidente della SAFM, safm.it.
  9. ^ Francesco Profumo - Presidente del Consiglio di Amministrazione, su www.inwit.it. URL consultato il 04 giugno 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca Successore Flag of Italy.svg
Mariastella Gelmini 16 novembre 2011 - 28 aprile 2013 Maria Chiara Carrozza
Controllo di autorità VIAF: (EN90186737 · SBN: IT\ICCU\CFIV\169118