Rasoherina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rasoherina
Queen Rasoherina.jpg
Regina del Madagascar
Stemma
In carica 12 maggio 1863 –
1º aprile 1868
Incoronazione 30 agosto 1863
Predecessore Radama II
Successore Ranavalona II
Nome completo Rasoherina-Manjaka
Rabodozanakandriana
Altri titoli Principessa Rabodozanakandriana
Nascita Rova 'Ambatomanoina, 1814
Morte Amboditsiry, 1º aprile 1868 (53-54 anni)
Sepoltura Rova di Antananarivo
Dinastia Merina
Padre Principe Andriantsalama
Madre Principessa Rafaramanjaka
Coniugi Raharolahy
re Radama II
Rainivoninahitriniony
Rainilaiarivony

Rasoherina, o Rabodo, nata Rabodozanakandriana (Rova 'Ambatomanoina, 1814Amboditsiry, 1º aprile 1868), è stata regina del Madagascar dal 12 maggio 1863 al 1º aprile 1868, quando succedette al suo secondo marito e cugino di primo grado assassinato, Radama II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regina consorte[modifica | modifica wikitesto]

Un ritratto della regina Rasoherina

Rasoherina nacque, nel 1814, a Rova 'Ambatomanoina, con il nome di Rabodozanakandriana o Rabodo. Era una figlia di Andriantsalama e di Rafaramanjaka e nipote della regina Ranavalona I.[1]

Ebbe quattro mariti: Raharolahy, Radama II e i primi ministri Rainivoninahitriniony e Rainilaiarivony. Radama II era l'erede di Ranavalona I e le succedette nel 1861: la quarantasettenne Rabodo indossò la corona di regina consorte insieme a lui. Il sovrano fu assassinato due anni dopo e Rainilaiarivony, a capo di un consiglio di nobili, pose alla vedova alcune condizioni per poter accedere al trono, tra cui la difesa della libertà di culto. Rabodo accettò e fu dunque incoronata il 13 maggio 1863 con il nome reale di Rasoherina.

Fu la seconda delle quattro sovrane regnanti malgasce: soltanto nello Stato principesco indiano di Bhopal e nei Paesi Bassi, fino ai nostri giorni, si è verificato il singolare caso di regine succedutesi l'una all'altra.[2]

Regina regnante[modifica | modifica wikitesto]

Il vero detentore del potere, all'inizio del regno di Rasoherina, era però il capo del governo Rainivoninahitriniony che la sposò strategicamente dopo poche settimane dall'intronizzazione. Nel 1864, la regina lo sostituì, nell'esecutivo e come marito, con Rainilaiarivony, uomo potentissimo che conservò abilmente il suo ruolo sposando pure le due sovrane successive Ranavalona II e Ranavalona III.

Sotto il breve regno di Rasoherina, l'assetto urbanistico e architettonico di Tananarive fu modernizzato con la costruzione di case borghesi di tipo inglese: furono edificati, inoltre, un teatro, la stazione ferroviaria e abbelliti il palazzo reale e la cattedrale.[3]

Diplomazia[modifica | modifica wikitesto]

I malgasci ricordano tuttora Rasoherina per la sua decisione di accreditare ambasciatori a Parigi e a Londra, ma anche per aver proibito i mercati domenicali.

Il 30 giugno 1865 la regina sottoscrisse un trattato con la Gran Bretagna che permetteva ai cittadini inglesi di affittare e possedere beni immobili nel Madagascar. Firmò pure un accordo commerciale con gli Stati Uniti che pose un limite all'importazione di armi e all'esportazione di bestiame. Ma la sovrana soprattutto concluse un'intesa con la Francia che avrebbe garantito la pace tra i propri successori e quelli dell'imperatore Napoleone III.[4]

Rasoherina morì nel 1868 a 54 anni e fu sepolta, vicino al secondo consorte Radama II, nella Rova di Antananarivo, presso il Palazzo Reale: non avendo avuto eredi diretti, le succedette la cugina di primo grado, Ranavalona II.[5]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Rasoherina Padre:
Principe Andriantsalamanandriana
Nonno paterno:
Andrianavalonakelimiaina
Bisnonno paterno:
 ?
Trisavolo paterno:
 ?
Trisavola paterna:
 ?
Bisnonna paterna:
 ?
Trisavolo paterno:
 ?
Trisavola paterna:
 ?
Nonna paterna:
 ?
Bisnonno paterno:
 ?
Trisavolo paterno:
 ?
Trisavola paterna:
 ?
Bisnonna paterna:
 ?
Trisavolo paterno:
 ?
Trisavola paterna:
 ?
Madre:
Principessa Rafaramanjaka
Nonno materno:
Principe Andriantsalamanjaka
Bisnonno materno:
Principe Andriantsimitovizafinitrimo
Trisavolo materno:
Re Andriambelomasina d'Avaradrano e Imerinatsimo
Trisavola materna:
Principessa Rasoherimananitany
Bisnonna materna:
Rabodomanjaka
Trisavolo materno:
Andrianampianarivo
Trisavola materna:
Ratomponivololona Ravololonandriantsimitovy
Nonna materna:
Principessa Rabodonandriantompo
Bisnonno materno:
Principe Andriandamboranto
Trisavolo materno:
Andriamiaramanjaka
Trisavola materna:
Principessa Ranavalonandriambelomasina
Bisnonna materna:
Principessa Ramboakovelo
Trisavolo materno:
Andriankirahinimerina
Trisavola materna:
Principessa Ranavalonjananjanahary

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze del Madagascar [6][modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine dell'Aquila Reale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Aquila Reale
— 12 maggio 1863
Gran Maestro dell'Ordine di Radama II - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Radama II
— 12 maggio 1863
Gran Maestro dell'Ordine al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito
— 12 maggio 1863

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Royal Ark
  2. ^ Raharolahy, p. 20
  3. ^ Brown, p. 35
  4. ^ Brown, p. 70
  5. ^ Nativel, p. 41
  6. ^ Royal Ark

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Mamy Raharolahy, Rois et reines de Madagascar, Gérard Rakotondrazafy, Antananarivo, Editions Jeunes Malgaches, 2012, ISBN 978-29-1636-235-9.
  • (FR) Didier Nativel, Maisons royales, demeures des grands à Madagascar, KARTHALA Editions, 2005, ISBN 978-28-4586-539-6.
  • (EN) Mervyn Brown, A History of Madagascar, Princeton, Markus Wiener Pub, 2000, ISBN 978-15-5876-292-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN314844971 · ISNI (EN0000 0004 4594 0135 · GND (DE1156241804 · BNF (FRcb151484048 (data)