Raja Amari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raja Amari

Raja Amari (in arabo: رجاء عماري‎, Rajāʾ ʿAmmārī; Tunisi, 1971) è una regista e sceneggiatrice tunisina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Raja Amari è nata nel 1971 a Tunisi e vive tra la Francia e la Tunisia. Si è diplomata alla Femis di Parigi nel 1998. Il suo cortometraggio Avril, viene premiato nel 2001 come miglior cortometraggio al Milano Film Festival e dalla giuria, con un premio speciale, del Tunis Short Films Festival e dell'International Short Film Festival di Larissa in Grecia.

Il primo lungometraggio Satin rouge, le conferisce un successo internazionale nel 2002 e partecipa al concorso Lungometraggi del Torino Film Festival. Nel 2009, viene presentato nella sezione Orizzonti della 66. edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica Dowaha (titolo internazionale Buried Secrets), il suo secondo lungometraggio, che vince nel 2010 il premio come miglior Lungometraggio africano al Festival del cinema africano, d'Asia e America Latina di Milano; e riceve una menzione speciale al 29º Festival del Cinema Africano di Verona nel 2009.

È membro della giura del Festival del cinema africano di Verona 2010.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Il film Satin Rouge, distribuito in Italia nel 2003, parla di Lilia, una vedova da molti anni che vive a Tunisi con la figlia adolescente Salma. Casualmente, la donna si reca una sera in un locale notturno, dove decide di esibirsi regolarmente come ballerina, scoprendosi affascinata da questa nuova realtà. Buried secrets, il secondo lungometraggio, declinato sulla modalità del thriller psicologico, affronta con uno stile diverso la scoperta della propria identità e liberazione sessuale. Aïcha, Radia e la madre vivono isolate dal mondo, nel sottosuolo di una casa signorile, riservato nel passato ai domestici. L'equilibrio precario delle loro esistenze viene minacciato dall'arrivo del figlio del proprietario e la sua fidanzata.

Buried Secrets racconta la storia di Aicha, Radia e la loro madre vivono nascoste in una grande casa abbandonata, nella campagna tunisina, clandestine nel loro stesso paese. Una vita povera, regolata dalla cultura tradizionale e dal timore di essere scoperte, quasi una clausura forzata, complicata dalla difficile convivenza tra le protagoniste, in particolare tra l'adolescente Aicha da una parte, la sorella maggiore e la madre dall'altra.Quando una giovane coppia moderna ed emancipata va ad abitare nella parte padronale della casa nascerà in Aicha una curiosità che sfocia in una vera e propria invidia dai tratti spesso morbosi. Il desiderio di scoperta e di esplorazione si impadronirà di lei: dapprima si accontenta di spiare gesti e abitudini a lei finora sconosciute o proibite ma con il passare del tempo si deciderà ad avventurarsi in vere e proprie incursioni in questo nuovo universo. Un film di sole donne (forse proprio il genere femminile è il protagonista), con i toni del thriller, girato in uno spazio chiuso, con inquadrature spesso strette e scomode, Buried Secrets è per contrasto un film sulla liberazione, sull'aprirsi al mondo.

La storia di Printemps Tunisien prende corpo poche settimane prima della caduta del dittatore Ben Ali. Tre ragazzi ed una ragazza, sopravvivono in una società oppressa e diseguale, consumata da decenni di dittatura. I nostri quattro eroi diventeranno gradualmente “le piccole mani” di quella che di lì a poco verrà chiamata la "rivoluzione dei gelsomini". Nessuno ne uscirà illeso, tutti pagheranno il caro prezzo della libertà.... Il film ha vinto il premio come miglior lungometraggio alla 34ª edizione del Festival del Cinema Africano di Verona.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vanessa Lanari (a cura di), Camera Africa, classici, noir e nollywood e la nuova generazione del cinema delle Afriche, Verona, Cierre Edizioni, 2011. ISBN 978-88-8314-627-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27006164 · ISNI (EN0000 0000 7826 0719 · LCCN (ENnr2003008081 · BNF (FRcb14074401k (data) · WorldCat Identities (ENnr2003-008081