Quando c'era lui... caro lei!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quando c'era lui... caro lei!
Paese di produzione Italia
Anno 1978
Durata 100 min
Genere commedia, satirico
Regia Giancarlo Santi
Soggetto Giancarlo Santi
Sceneggiatura Giancarlo Santi
Casa di produzione Idealfilm Production
Distribuzione (Italia) Gold Film
Fotografia Aldo Tonti
Montaggio Sergio Montanari
Musiche Alfredo Polacci
Scenografia Mario Milano
Costumi Rita Corradini
Interpreti e personaggi

Quando c'era lui... caro lei! è un film italiano del 1978 diretto da Giancarlo Santi.

È stato successivamente distribuito con il titolo di Fantozzi contro Fantozzi, ma il celebre ragioniere ideato da Paolo Villaggio non compare in nessuna scena.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una limousine si ferma davanti ad un distributore di benzina gestito da Beretta, il quale riconosce due suoi vecchi amici all'interno dell'auto: il questore Pavanati ed il senatore Rossetti, un tempo anarchico. I due invitano Beretta a salire sulla vettura e lo conducono in un ristorante dove mangeranno insieme: sia durante il viaggio sia nel locale i tre parlano della loro giovinezza e di quando c'era "lui", Benito Mussolini, di cui Beretta e Pavanati erano stati fidi segretari personali.

Vari sono i momenti che affiorano alla mente dei tre: l'udienza con Papa Pio XI per la firma del concordato, gli interminabili esercizi ginnici che il duce li costringeva a fare, le numerose relazioni extraconiugali di Mussolini sempre scoperte dalla moglie Rachele, l'alleanza con Hitler cercata e trovata anche attraverso un buon piatto di tagliatelle, i litigi con l'ambasciatore britannico, gli attentati di Rossetti ed infine le sedute spiritiche eseguite per tentare di raddrizzare l'esito della seconda guerra mondiale.

Quando cala la sera, Rossetti e Pavanati mostrano il loro vero volto: il loro intento non era quello di rincontrarsi con un caro amico ma di trovare un capro espiatorio a cui attribuire le responsabilità di numerosi crimini fascisti rimasti irrisolti. I due, che lavorano per i servizi segreti, approfittando del fatto che Beretta si è addormentato lo ammanettano e lo fanno arrestare: quando si sveglia, Beretta subisce un'ulteriore beffa osservando che tutti i suoi carcerieri sono in realtà ex gerarchi del vecchio regime.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La recensione[1] all'epoca dell'uscita del Corriere della Sera criticò il film, per avere ridotto il fascismo a «una gran pagliacciata fumettistica», senza considerare gli altri aspetti del regime. Gli autori del film hanno dichiarato di averlo pensato «contro la mentalità del potere e il fascismo che ne è la matrice» e di aver voluto unire «all'ironia per il regime passato» la critica «all'arroganza del potere di oggi».[1]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il titolo del film riprende satiricamente un famoso intercalare utilizzato dai nostalgici del regime fascista, dove ovviamente quando si dice "lui" ci si riferisce a Mussolini: è per questo che nel film il cognome del duce viene pronunciato una volta sola, da Pavanati, mentre nel resto della pellicola si utilizza appunto il pronome "lui".
  • Mussolini si vede sempre di spalle.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Recensione di Giovanni Grazzini da il Corriere della Sera del 24 marzo 1978 (disponibile su Mymovies.it).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]