Provincia di Sidi Bennour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Provincia di Sidi Bennour
provincia
Provincia di Sidi Bennour – Stemma Provincia di Sidi Bennour – Bandiera
Localizzazione
StatoMarocco Marocco
RegioneCasablanca-Settat
Amministrazione
CapoluogoSidi Bennour
Territorio
Coordinate
del capoluogo
32°39′22.52″N 8°25′43.68″W / 32.656256°N 8.428799°W32.656256; -8.428799 (Provincia di Sidi Bennour)
Superficie3 007 km²
Abitanti452 448[1] (2014)
Densità150,46 ab./km²
ComuniSidi Bennour, Oualidia, Oulad Amrane
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+0
ISO 3166-2MA-SIB
Cartografia
Provincia di Sidi Bennour – Localizzazione

La provincia di Sidi Bennour è una divisione della regione Casablanca-Settat in Marocco.

Il 22 gennaio 2009, il Ministero degli Interni annunciò la creazione della provincia di Sidi Bennour. La creazione della provincia di Sidi Bennour, e di altre 12 fra province e prefetture, avvenne in applicazione degli orientamenti contenuti nel discorso del re del Marocco in occasione del trentatreesimo anniversario della Marcia verde.

Confina con la provincia di El Jadida a nord e con la provincia di Safi a sud, e si estende sul litorale dell'oceano Atlantico a ovest, sul quale è ubicata la città di Oualidia[2]. La sua rete stradale, lunga 833 km, comprende 780 km di strade asfaltate[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Haut-commissariat au Plan, Note sur les premiers résultats du Recensement Général de la Population et de l’Habitat 2014, su rgph2014.hcp.ma. URL consultato il 28 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2017).
  2. ^ a b (FR) Maghreb Arabe Presse, M. Ghellab : 90 millions de DH pour le financement de projets de maintenance routière à Sidi Bennour, su La Vie éco, 9 marzo 2010. URL consultato il 17 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154164467
Marocco Portale Marocco: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Marocco