Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Provincia di Settat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Provincia di Settat
provincia
سطات
Provincia di Settat – Bandiera
Localizzazione
Stato Marocco Marocco
Regione Casablanca-Settat
Amministrazione
Capoluogo Settat
Territorio
Coordinate
del capoluogo
33°00′N 7°37′W / 33°N 7.616667°W33; -7.616667 (Provincia di Settat)Coordinate: 33°00′N 7°37′W / 33°N 7.616667°W33; -7.616667 (Provincia di Settat)
Superficie 975 km²
Abitanti 634 184[1] (2014)
Densità 650,45 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso 0523
Fuso orario UTC+0
ISO 3166-2 MA-SET
Cartografia

La provincia di Settat è una delle province del Marocco, parte della Regione di Casablanca-Settat.[2]

Nel 2009 una parte del suo territorio è stato scisso ed è entrato a far parte della nuova provincia di Berrechid.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Settat, prima della scissione, contava 8 municipalità e 61 comuni[1]:

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Haut-commissariat au Plan, Note sur les premiers résultats du Recensement Général de la Population et de l’Habitat 2014, rgph2014.hcp.ma. URL consultato il 28 settembre 2016.
  2. ^ Si prega di notare che l'informazione non è up-to-date in questo articolo. Le modifiche amministrative del 2009, la provincia di Settat divisi in due nuove province, Settat e Berrechid, non sono prese in considerazione. La popolazione e la distribuzione nel comune non sono stati ancora corretti. Vedere decreto marocchino "No. 2-09-319 del 17 Joumada II 1430 (11 giugno 2009) modifiant et complétant Dahir n ° 1-59-351 di Joumada 1 Serie II 1379 (2 dicembre 1959) relatif à la division administrative du Royaume ". Vedi: Bulletin Officiel du Royaume du Maroc, no. 5744, 24 Joumada II 1430 (18 giugno 2009), pagine 1017 e 1018. Copia archiviata (PDF), sgg.gov.ma. URL consultato il 10 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2009).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]