Presepe del Banco di Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Presepe del Banco di Napoli
Palazzo reale, cappella, presepe napoletano 01.JPG
Il presepe del Banco di Napoli
AutoreVari
DataXVIII-XIX secolo
MaterialeVari
UbicazionePalazzo Reale, Napoli

Il presepe del Banco di Napoli è un presepe napoletano custodito all'interno della cappella Palatina nel Palazzo Reale di Napoli: è di proprietà del Banco di Napoli[1].

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Considerato uno dei migliori esempi di arte presepiale napoletana[2], il presepe del Banco di Napoli è stato realizzato utilizzando pezzi di varie collezioni, precisamente duecentodieci tra pastori e animali e centoquarantaquattro tra gli accessori[2], risalenti a un periodo compreso tra il XVIII e il XIX secolo e prodotti da diversi scultori operanti a Napoli come Giuseppe Sanmartino, Angelo e Francesco Viva, Salvatore Di Franco, Francesco e Camillo Celebrano, Lorenzo Mosca, Matteo Bottigliero, Francesco Coppiello e Giuseppe Gori[2], che nel corso degli anni erano stati raccolti dal Banco di Napoli[1].

Lo scenario, in cartapesta, è quello della Napoli del Settecento[2]: sullo sfondo un paesaggio rupestre dove si scorge la sagoma del Vesuvio[1]. Al centro la scena della Natività che rispetta la tradizione di essere posta tra i ruderi di un tempio romano, a simboleggiare la vittoria del cristianesimo sul paganesimo[2]: in alto la raffigurazione della Gloria con angeli, cherubini e putti; dinanzi alla sacra famiglia uno zampognaro e i re Magi[1]. Nel lato sinistro è posta la corte dei Magi: si tratta di figure con abiti orientaleggianti, caratterizzati dalla presenza di strumenti musicali e animali esotici, come un cammello e un elefante, a testimonianza di come Napoli, durante il Settecento, fosse una città cosmopolita; caratteristica la scena della fontana[1]. A destra della Natività invece uomini e animali a raffigurare l'Annuncio ai pastori; sull'estrema destra è la riproduzione della taverna, con cibo sulla tavola e salumi appesi all'ingresso: intorno ad essa personaggi della quotidianità come quelli degli sciacquanti, musicisti di violino e mandolino, giocatori di carte, storpi, mendicanti, e venditori di frutta, formaggi e ortaggi, oltre a varie botteghe come quella del maniscalco, del forno, del bottaio e uno scrivano pubblico[1].

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Le statuine presenti nel presepe sono quasi tutte realizzate con corpo in stoppa intorno a un'anima di fil di ferro, arti in legno e testa in terracotta, con occhi in vetro[3]: le figure di ispirazione evangelica, come quelle della Natività, hanno un aspetto che tende a raffigurare una bellezza idealizzata, mentre il resto del popolo ha un aspetto realista[1]. Tra le varie figure presenti:

  • Un Angelo con incensiere, di Genzano, con tunica bianca, camicia marrone e tra le mani turibolo di argento cesellato[4].
  • Una coppia di Angeli realizzata da Francesco Viva nel 1764[5] e un'altra sempre da Genzano, tutti con ali di legno e tuniche di vario colore[6].
  • Il Re vecchio, ossia Baldassarre, di Francesco Viva del 1797[2], vestito con cappotto in laminato d'argento, panciotto laminato in oro e pantaloni in seta verde, oltre un mantello in armesino verde ricamato in oro e in mano porta un turbante sul quale è poggiata una corona: al collo ha una spada in metallo con una fodera in cuoio[7].
  • Il Re giovane, ossia Gaspare, realizzato da Salvatore Di Franco, è vestito con un abito in raso rosso e azzurro rifinito con fili d'oro e reca in mano un bruciaprofumi in argento, lavorato a mano[8].
  • Il Paggetto orientale, di Giuseppe Gori, è vestito di raso azzurro con ricami in oro: la figura si completa con un turbante, uno spadino e un vassoio in argento[9].
  • Un Arabo su cammello, di Lorenzo Mosca, con tabarro bianco con cappuccio, giubba in seta e pantaloni a quadretti, e tra le mani una cassa contenente monili e tessuti[10].
  • Un Circasso, di Salvatore Di Franco, abbigliato con giubba in seta rossa, braghe in tela a righe e in mano secchi in argento cesellato[11].
  • La Donna in costume calabrese, di Camillo Celebrano, si presenta in abito tipico della tradizione cosentina, in seta, con grembiule azzurro ricamato in seta, e al collo una collana di corallo e un orecchino d'oro con tre perle e due granatine[3].
  • La Maternità è di Francesco Cappiello: la donna, in costume calabrese tipico di Nicastro, ha una camicia bianca in batista, corpetto azzurro e sui capelli fazzoletto di batista, collana di turchesi, e reca tra le braccia un neonato in fasce con testa in terracotta policroma[12].
  • La Ragazza ricca in costume calabrese Acquaformosa, di Giuseppe Sanmartino, è vestita con camicia in batista bianca con due bottoni d'argento, corpetto in seta rossa, gonna in seta azzurra, grembiule in velluto blu e sui capelli fazzoletto di batista con un altro di seta in forma quadrata, mentre al collo ha una collanina di corallo e nella mano sinistra stringe un grappolo d'uva e un melograno[13].
  • La Sciacquante donna è stata realizzata da Giuseppe Sanmartino, il quale si è probabilmente ispirato a una persona reale: la donna presenta un abito in velluto rosso e oro con gonna in seta verde e grembiule in seta rosa una collana in corallo e un orecchino in corallo e oro[14].
  • Lo Sciacquante uomo, di Giuseppe Gori, certamente un ritratto di persona realmente esistita, veste con un cappotto in seta verde con bottoni in oro, panciotto in seta e giubba e pantaloni in seta rossa, e tra gli oggetti ha un coltello con manico in legno[15].
  • La Coppia villano nobile e donna sul mulo, realizzati da Camillo Celebrano, è caratteristica per la loro espressione serena, a dimostrazione del benessere economico di cui godono: l'uomo è vestito con un giubba con bottoni d'argento, mentre la donna, seduta su di un mulo, reca sul capo un fazzoletto di batista bianco, e abbigliata con un corpetto in seta e gonna in seta azzurra[16].
  • L'Arrotino, realizzato da Salvatore Di Franco, con panciotto in tela azzurra giacca e pantaloni in stoffa marrone, mentre il banco dell'arrotino è in legno sul quale poggiano tre coletti con manico in legno[17].
  • La Samaritana, realizzata da Genzano, rientra in quei personaggi del presepe di razza orientale a seguito del corteo dei Magi: è vestita con abito in seta con ricami in oro, cinto da un laccio in argento, e porta una collana d'argento dorato e due orecchini in oro e corallo[18].
  • La Castagnara, di Lorenzo Mosca, ha una camicia in tela bordata di trine, gonna in seta azzurra, grembiule in tela con ricami in seta e fazzoletto in tela sui capelli: ha un orecchino in oro con pietra e perla, collana di granatine e, in mano, un coperchio per caldarroste[19].
  • Il Pescivendolo, di Francesco Coppiello, con camicia in tela e panciotto e braghe in tela azzurra, ha tra le mani una cesta con pesci e a tracolla una rete da pesca[20].
  • Il pastore dormiente, chiamato anche Rustico, simbolo del presepe napoletano, che sta a indicare il risveglio a una nuova vita, è stato realizzato nel settembre 1806 da Angelo Viva e si distingue dagli altri in quanto interamente in terracotta policroma[21].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Il presepe del Banco di Napoli, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  2. ^ a b c d e f Touring Club Italiano, p. 128.
  3. ^ a b Donna in costume calabrese, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  4. ^ Angelo con incensiere, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  5. ^ Coppia di Angeli di Francesco Viva, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  6. ^ Coppa di Angeli di Genzano, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  7. ^ Re vecchio, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  8. ^ Re giovane, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  9. ^ Paggetto orientale, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  10. ^ Arabo su cammello, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  11. ^ Circasso, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  12. ^ Maternità, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  13. ^ Ragazza in costume di Acquaformosa, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  14. ^ Sciacquante donna, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  15. ^ Sciacquante uomo, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  16. ^ Coppia villano nobile e donna sul mulo, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  17. ^ Arrotino, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  18. ^ Samaritana, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).
  19. ^ Castagnara, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  20. ^ Pescivendolo, su o-presebbio.com. URL consultato il 31 luglio 2016.
  21. ^ Rustico, su cir.campania.beniculturali.it. URL consultato il 31 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]