Francesco Celebrano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ambiente affrescato da Francesco Celebrano in palazzo Ungaro a Cerreto Sannita.

Francesco Celebrano (Napoli, 27 marzo 1729Napoli, 22 giugno 1814) è stato un artista italiano, autorevole e poliedrico esponente del '700 napoletano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pittore, scultore, direttore dei "modellatori" della Real Fabbrica di porcellane a Capodimonte (Napoli), fu anche "Maestro delle Reali Artiglierie e del Genio", nonché pittore di "famiglia" di Re Ferdinando IV di Borbone, educatore del Duca di Calabria e di altri principi di casa Reale. Fu anche autore di una vasta produzione presepiale tanto che Ferdinando IV inviò al fratello Carlo IV, re di Spagna, suoi "pastori" (un uomo ed una donna per ciascuna provincia del Regno delle Due Sicilie) che indossavano gli abiti caratteristici. Tali "pastori" sono ancora oggi in possesso della "corona" spagnola che li ha, di recente, fatti pubblicare. Dal 1800, data la sua esperienza nel settore, divenne consulente della Casa reale per l'acquisto e la collezione di "pastori" presepiali, gran parte dei quali sono oggi conservati nel Museo di San Martino a Napoli.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cappella Sansevero.

Nel campo della scultura, alcune sue opere (sotto riportate) si trovano nella chiesa napoletana di "Santa Maria della Pietà", o "Pietatella", meglio nota come Cappella Sansevero, il tempio gentilizio portato a compimento da Raimondo di Sangro, VII Principe di Sansevero, tra il 1744 ed il 1771:

  1. Monumento a Cecco de' Sangro;
  2. La Deposizione e l'altare maggiore della Cappella;
  3. Il Dominio di se stessi;
  4. Monumento a Giovan Francesco de' Sangro;
  5. "Pentecoste", dipinto firmato e datato: "Fr. cus. CELEBRANO 1799", conservato presso la Chiesa dello Spirito Santo a Scilla.

Altri scultori che lavorarono presso la Cappella Sansevero: Antonio Corradini, Francesco Queirolo, Giuseppe Sanmartino.

Nella metà del XVIII secolo Francesco Celebrano lavorò a Cerreto Sannita dove eseguì un dipinto nella Chiesa di Sant'Antonio, due lunette nel Santuario della Madonna delle Grazie e degli affreschi in palazzo Ungaro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Rotili, CELEBRANO, Francesco, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 23, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1979. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  • AA.VV., Cerreto Sannita: Testimonianze d'arte tra Settecento e Ottocento, E.S.I., 1991.
  • Vincenzo Canelli, Il Convento e la Chiesa di Santa Maria delle Grazie in Cerreto Sannita, La Voce, 1993.
  • Elio Catello, Francesco Celebrano e l'arte nel presepe napoletano del 700, A. Berisio, 1969.
  • Clara Miccinelli, Il Principe di Sansevero, verità e riabilitazione, SEN, 1982.
  • Giuliano Capecelatro, Un sole nel labirinto, storia e leggenda di Raimondo di Sangro, Principe di Sansevero, il Saggiatore, 2000.
  • Nathan Gelb, Delitti sotto la cenere. Un nuovo caso per il Principe di Sansevero, Sperling & Kupfer, 2008.
Controllo di autorità VIAF: (EN57690252 · LCCN: (ENnr90012223 · SBN: IT\ICCU\BRIV\136046 · ULAN: (EN500032528