Porpora Marcasciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Porpora Marcasciano (San Bartolomeo in Galdo, 15 settembre 1957) è un'attivista e scrittrice italiana.

Storica attivista trans, è stata una figura importante del movimento italiano dai suoi esordi all'interno dei collettivi degli anni '70 ad oggi, attuale presidente del MIT. È autrice di diversi saggi di storia del movimento LGBT italiano e, tra le altre cose, è stata curatrice degli Elementi di critica trans (Manifestolibri, 2010).

Porpora prende il suo nome da Porporino, celebre personaggio raccontato da Dominique Fernandez[1]

Attivismo[modifica | modifica wikitesto]

Porpora fa risalire il suo attivismo al 1975, in occasione dell'omicidio di Pier Paolo Pasolini[2][3]. In quell'occasione, infatti, i membri del collettivo politico di cui faceva parte le chiedono di dichiarare pubblicamente la sua storia durante un'assemblea scolastica.

Due anni dopo, dalla rottura con il Fuori! per il suo avvicinamento politico con il Partito Radicale, Porpora assieme a Marco Sanna ed Enzo Ienna fonda il collettivo NARCISO (acronimo per Nuclei Armati Rivoluzionari Comunisti Internazionali Sovversivi Omosessuali), esperienza che durerà fino al 1983 diventando Circolo Mario Mieli dopo la fusione con il Fuori romano. Sulla scissione del Fuori ha affermato che[4][5]

«Sentivamo anche il bisogno di ribadire che quella formazione non poteva essere lʼunica a rappresentare un mondo che era assai più variegato: perché vedi, il FUORI prendeva la questione omosessuale e la isolava da qualsiasi contesto politico e sociale. Per noi invece era un tema direttamente collegato a quel fenomeno più ampio nato col movimento del ʼ77; che era stato il movimento dellʼAutonomia Operaia ma anche degli indiani metropolitani, dei trasversalisti, delle donne, dei gay»

Come raccontato in Antologia, durante il periodo universitario a Roma, nel 1981, viene arrestata per quattro giorni con l'accusa di atti osceni in luogo pubblico, perché indossava abiti femminili.[6]

Dal 2005 Porpora Marcasciano aderisce al Movimento Identità Trans e al movimento Facciamo Breccia, nato in opposizione all’ingerenza della chiesa cattolica nella sfera pubblica italiana.[4][7]

Nel 2010, a seguito della morte di Marcella Di Folco, Porpora Marcasciano diviene presidente del MIT fino al 2016, ricoprendo lo stesso incarico dal 2019 ad oggi.[8]

Nel 2016 viene insignita del premio, "dedicato alle persone che costituiscono inestimabile patrimonio per il movimento per la tutela dei diritti umani"[9] Human Rights Defender da Amnesty International, insieme a Daniela Tomasino[10].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Marcasciano ha scritto diversi libri, raccontando la storia del movimento LGBT italiano a partire dalla propria esperienza personale e di quella della sua rete sociale.

Nel 2008 scrive "Favolose narranti. Storie di transessuali", che mostra attraverso testimonianze dirette di dieci donne trans la nascita del movimento trans italiano in relazione con il mondo gay, lesbico e il femminismo.

Otto anni dopo pubblica "AntoloGaia. Sesso, genere e cultura degli anni '70", un'autobiografia che copre il periodo che va dagli anni Settanta al 1983.[5] In questi anni si racconta la nascita del primo pride italiano, il racconto dei campeggi omosessuali, l'arrivo dell’AIDS e le battaglie che portarono alla legge 164 del 1982 sul cambio di sesso. Il 1983 viene scelto come data di fine perché coincide con la morte di Mario Mieli, che lei stessa ha conosciuto direttamente, e con l'arrivo dell'AIDS nei media italiani.

Nel 2018 scrive "L'aurora delle trans cattive", sguardo corale del movimento trans italiano, raccontando tra le altre cose della sua esperienza a Napoli con i feminielli e l'esperienza in carcere a Roma[11]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Candidatasi per la lista Coalizione Civica - Coraggiosa Ecologista Solidale alle elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021, Porpora Marcasciano è stata eletta consigliera comunale a Bologna, nello schieramento di maggioranza[12], venendo eletta il successivo 11 novembre Presidente della Commissione Pari Opportunità del consiglio comunale di Bologna.

Opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Aurora delle trans cattive. Storie, sguardi e vissuti della mia generazione transgender, edizioni Alegre, 2018.
  • Transformare l'organizzazione dei luoghi di detenzione. Persone transgender e gender nonconforming tra diritti e identità, Editoriale Scientifica, 2018.
  • AntoloGaia. Vivere sognando e non sognare di vivere: i miei anni Settanta, edizioni Alegre, 2015.
  • Favolose narranti. Storie di transessuali, Manifestolibri, 2008.
  • Tra le rose e le viole. La storia e le storie di transessuali e travestiti, edizioni Allegre, 2020.

Opere teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Sogno e l'Utopia. Biografia di una generazione, di e con Porpora Marcasciano, regia Simone Cangelosi, 2016[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60908129 · ISNI (EN0000 0000 3403 7523 · LCCN (ENn2002097996