Pino De Vittorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe De Vittorio, nome d'arte di Pino De Vittorio (Leporano, 24 dicembre 1954), è un cantante, attore e sopranista italiano.

Пино де Витторио на фестивале Earlymusic. Санкт-Петербург, 17.09.2014. Академическая капелла.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pino De Vittorio ha contribuito alla ricerca e alla rivalorizzazione dei canti popolari del Sud Italia lavorando con Roberto De Simone, Salvatore Accardo, Luciano Berio e Massimo de Bernart. Dopo un corso di studi musicali[1][2][3] ha interpretato diverse opere cantando da sopranista.[4] Nel 1976 con Angelo Savelli ha fondato La Compagnia Pupi e Fresedde che ha eseguito musica popolare pugliese e tarantelle.[5] Nell'ambito della collaborazione con la Nuova Compagnia di Canto Popolare durata dalla fine degli anni '70 ai primi anni '90, Pino de Vittorio è stato interprete solista di diverse opere quali La gatta Cenerentola, L’Opera buffa del Giovedì santo, Mistero Napoletano, Li zite 'ngalera, Le 99 disgrazie di Pulcinella e Il Drago, apparendo fra l'altro nel Requiem in memoria di Pier Paolo Pasolini di Roberto De Simone. Per il Maggio Musicale Fiorentino, di cui è stato più volte ospite, ha interpretato una rivisitazione de l’Orfeo di Monteverdi nella versione di Luciano Berio; per le Settimane Internazionali di Napoli si è esibito ne "L'idolo cinese" di Giovanni Paisiello, nella Histoire du soldat, diretto da Salvatore Accardo, nonché nel Pulcinella di Stravinskij diretto da Massimo de Bernart. Al Teatro di San Carlo, Napoli, ha debuttato ne "Il crispino e la comare" dei Fratelli Ricci (1984), successivamente ripresa al Gran Teatro La Fenice di Venezia (1986) e al Théâtre des Champs-Élysées di Parigi. Dal 1987 fa parte dell'Ensemble barocco della Cappella della Pietà de' Turchini (dal 2010, I Turchini di Antonio Florio), dedicandosi in particolare alla riscoperta del patrimonio musicale del barocco riconducibile alla Scuola napoletana. Nell'ambito di tale collaborazione, ha qiuindi partecipato alla produzione e alla registrazione di opere quali "La Colomba Ferita" di Francesco Provenzale, "La Finta Cameriera" di Gaetano Latilla, "Pulcinella Vendicato nel ritorno da Marechiaro" di Giovanni Paisiello (2002), "Li Zite ‘ngalera" di Leonardo Vinci, La Festa Napoletana, "Il Disperato Innocente" di Boerio, "Ottavia restituita al trono" di Domenico Scarlatti (2007), "l'Alidoro" di Leonardo Leo (2008), "La Partenope" di Leonardo Vinci (interpretando il ruolo en travesti di Eurilla, negli intermezzi di Domenico Sarro). Nel 2006 è impegnato nel ruolo della Nutrice ne "L'incoronazione di Poppea" di Claudio Monteverdi nella versione di Rinaldo Alessandrini, successivamente proposto anche presso l'Opéra national de Paris (2014) e al Teatro alla Scala di Milano (2015), con la direzione di Rinaldo Alessandrini e la regia di Robert Wilson. Ha collaborato con Yvonne Pouget per lo spettacolo di teatro-danza "Identità - Pellegrinaggio all'amore", andato in scena a Monaco di Baviera (2009), poi ripreso nella stessa città tedesca e a Taranto (2014). Con la Cappella Musicale della Pietà de' Turchini, l'Accordone Ensemble e Media Aetas ha tenuto concerti in tutta Europa ed è stato ospite nei maggiori teatri e festival internazionali (tra i quali l'Accademia Chigiana di Siena, Settembre Musica di Torino, Musica e Poesia a San Maurizio di Milano, Festival Monteverdi di Cremona, Società del quartetto di Milano, Early Music Festival di S. Pietroburgo). Molto apprezzati sono stati i suoi duetti con Marco Beasley.

Premi e Riconoscimenti,[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della carriera ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti ufficiali:

  • 2012: Premio Saturo d'Argento
  • 2012: Premio Mousiké Regione Puglia

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John T La Barbera in Oral History, Oral Culture, and Italian Americans - Page 104 Del Giudice Luisa, L. Del Giudice - 2009 "Among Italian students, there was a desire to reconnect with their roots and break away from the industrialization of the ... Signoria, that I eventually met an extremely talented group of university students: Pino De Vittorio, Gianni Castellana, ..."
  2. ^ Lingua e dialetto nel teatro contemporaneo Neri Binazzi, Silvia Calamai - 2006 -Page 28 "... a cui si aggiunge la pluriennale collaborazione con i compositori Nicola Piovani e Jean Pierre NeeI e con gli attori/cantanti Pino De Vittorio e Gennaro Cannavacciuolo), Savelli ha realizzato più di 100 spettacoli, la maggioranza dei quali in ...
  3. ^ Panorama - Issues 859-862 1982- Page 12 "... complicata », rivive una galleria di personaggi tipici: autorità paternalistiche, preti corruttori, nuovi ricchi cafoni, popolani mendicanti e ingegnosi, cantanti castrati (con la bella voce da «sopranista» di Pino De Vittorio) e canterine disponibili."
  4. ^ de Vittorio Pino - Centre Culturel de Rencontre d'Ambronay - Festival de musique baroque d'Ambronay
  5. ^ Mirella Manaresi, Matematica e cultura in Europa, 2005 Pag. 304, ... Festival di Berlino nel 1988. La Compagnia Pupi e Fresedde, che ha messo in scena lo spettacolo, è stata fondata a Firenze nel 1976 da Angelo Savelli e Pino De Vittorio.
Controllo di autorità LCCN: (ENno99039409