Pigmento inorganico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Un pigmento inorganico è una sostanza colorata nella cui composizione chimica non compare il carbonio se non in forma elementare (nerofumo) o di carbonato. Si tratta per lo più di ossidi, sali o silicati.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

La funzione principale di un pigmento è modificare l'aspetto ottico del supporto su cui è applicato o della massa in cui è disperso, perciò la classificazione avviene generalmente in base al colore, ma la valutazione avviene anche in base a molte altre proprietà come l'inerzia chimica, la dimensione delle particelle o degli aggregati, il potere coprente o la resistenza allo sfarinamento.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

L'origine dei pigmenti inorganici può essere tanto naturale quanto sintetica e i metodi di produzione e purificazione variano molto in funzione del prodotto. È possibile impiegare naturalmente più di un metodo e il procedimento più diffuso è la precipitazione-calcinazione.

I più diffusi metodi di produzione sono:

Macinazione e sedimentazione[modifica | modifica wikitesto]

È il metodo più diffuso per la lavorazione delle terre e di altri pigmenti di origine naturale. La macinazione può essere effettuata a secco oppure a umido in mulini a palle o simili.

Precipitazione[modifica | modifica wikitesto]

La precipitazione è il più diffuso metodo per la produzione dei pigmenti sintetici, a cui seguono sempre operazioni di lavaggio, essiccazione a bassa temperatura anche sotto vuoto. Ad esempio si producono in questo modo il giallo cromo e il blu di Prussia.

Calcinazione[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni pigmenti si formano per calcinazione ad alta temperatura 800-1.000 °C per perdita di acqua di cristallizzazione e/o cambiamento della forma cristallografica. È il metodo utilizzato per produrre, tra altri, il biossido di titanio e il blu oltremare.

Sublimazione[modifica | modifica wikitesto]

Le polveri metalliche come lo zinco si ottengono per sublimazione. Altri pigmenti come il bianco zinco o l'ossido di antimonio si preparano associando alla sublimazione un processo ossidativo, in pratica il vapore del metallo è trascinato in una corrente fluida, normalmente aria, contenente ossigeno.

Attacco chimico[modifica | modifica wikitesto]

Altri pigmenti, come ad esempio la biacca, si ottengono invece per attacco chimico, aggredendo direttamente lamiere di metallo (nell'esempio di piombo) con vapori acidi e successiva asportazione.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I pigmenti vengono classificati normalmente per colore:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Villavecchia, Gino Eigenmann, Nuovo dizionario di merceologia e chimica applicata - Vol 5° Mangimi - Polistirene, Milano, Hoepli, 1974, p. 2408, ISBN 88-203-0532-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura