Pietro Sette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Sette (Bari, 10 aprile 1915Altamura, 1º dicembre 1984) è stato un dirigente d'azienda italiano, con una particolare presenza nelle Partecipazioni statali, essendo stato presidente dell'EFIM dal 1962 al 1975, dell'Eni dal 1975 al 1979 e dell'IRI dal 1979 al 1982.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù terzino del Bari, si laureò il 5 novembre 1937 in Giurisprudenza, specializzandosi in diritto commerciale, con particolare attenzione al diritto societario. Politicamente vicino alla Democrazia Cristiana, fu amico personale di Aldo Moro. Fino al 1950 si dedicò alla carriera universitaria, interessandosi nel dopoguerra ai problemi di riconversione dell'industria bellica. Nel 1950 fu nominato commissario della Breda, dove intervenne decidendo la chiusura della sezione aeronautica e traghettando l'azienda al nuovo ente statale EFIM. Fu presidente della Carbosarda, altra azienda che entrò a far parte dell'EFIM, alla cui presidenza Sette fu nominato nel 1962 e dove rimase fino al 1975. Dal 1959 al 1974 fu membro del consiglio di amministrazione dell'Eni, dove si adoperò nelle trattative per gli accordi commerciali conclusi con l'Iran.

Nel 1975 fu nominato presidente dell'ENI, in un periodo delicato per l'azienda, che si concluse con il dispendioso salvataggio EGAM. Sette fu particolarmente prudente ed attento agli equilibri di potere, cercando di gestire i contrasti che emergevano all'interno della dirigenza ENI. Nel gennaio 1979 sostituì Giuseppe Petrilli alla presidenza dell'IRI, dove contribuì alla riflessione sulle pratiche di gestione che avevano portato l'Istituto ad accumulare una pesante situazione debitoria ed a richiedere allo Stato fondi per ripianare le perdite; nel settembre 1982 fu sostituito nell'incarico da Romano Prodi.

Pietro Sette morì in un incidente stradale il 1º dicembre 1984.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Archivio fotografico - I manager - I presidenti - Pietro Sette-da iri.it
  • Sette, l'uomo che regnò su tre enti, La Repubblica, 20 marzo 1991
  • Massimo Pini, I giorni dell'IRI, Arnoldo Mondadori, Milano, 2004
  • Marcello Colitti, ENI-Cronache dall'interno di un'azienda, Egea, Milano, 2008
  • Italo Pietra, Mattei: la Pecora Nera, SugarCo, Milano, 1987
Controllo di autoritàVIAF (EN77634900 · ISNI (EN0000 0000 2378 4742 · LCCN (ENn81060199 · WorldCat Identities (ENn81-060199
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie