Petaurista philippensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Petaurista indiano[1]
Indian giant flying squirrel.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Rodentia
Sottordine Sciuromorpha
Famiglia Sciuridae
Sottofamiglia Sciurinae
Tribù Pteromyini
Genere Petaurista
Specie P. philippensis
Nomenclatura binomiale
Petaurista philippensis
(Elliot, 1839)

Il petaurista indiano (Petaurista philippensis Elliot, 1839), noto in cinese come Shuangbei Dawushu, è uno scoiattolo volante originario del Sud-est asiatico.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente, gli studiosi riconoscono sette sottospecie di petaurista indiano[1]:

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Con una lunghezza testa-corpo di 41–61 cm e una coda di 55-69,1 cm, il petaurista indiano è la seconda specie più grande del genere Petaurista. La colorazione del dorso varia dal bordeaux scuro al nero, ma le estremità dei peli, di colore bianco, fanno spesso assumere alle regioni superiori una tinta grigiastra; sul ventre la pelliccia, relativamente rada, varia dal russet al camoscio. La coda, molto lunga, è interamente nera, così come le orecchie, che però presentano la superficie frontale di un caratteristico colore rosso.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie, molto diffusa, vive nell'Asia meridionale, nelle regioni meridionali e centrali della Cina e in Indocina. Nell'Asia meridionale, occupa un areale discontinuo esteso sia all'India che allo Sri Lanka. In Cina, è presente sull'isola di Hainan e in Yunnan, Sichuan e Shaanxi. Vive anche sull'isola di Taiwan. Nel Sud-est asiatico, occupa quasi tutta l'Indocina, a eccezione della penisola malese. È specie propria delle foreste pluviali tropicali di montagna.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Ad Hainan il petaurista indiano vive solamente all'interno delle foreste, ove è considerato piuttosto abbondante. A Taiwan è più numeroso nelle foreste di latifoglie, piuttosto che in quelle di conifere, ed è più comune tra i 500 e i 2500 m di quota. Sempre sulla stessa isola, la dieta di questo animale comprende ben 30 specie di vegetali. Gran parte della dieta (circa il 74%) è costituita da foglie, sia giovani che mature. A Taiwan la riproduzione è stagionale, con picchi delle nascite in primavera e autunno. Circa la metà delle femmine dell'isola si riproduce in entrambe le stagioni. Generalmente nasce un unico piccolo, ma anche i parti gemellari non sono rari.

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Attualmente il petaurista indiano non corre alcun pericolo, sebbene in alcune aree la popolazione sia diminuita in seguito alla deforestazione e, in Asia meridionale e Cina, alla caccia, sia per scopo alimentare che per presunti poteri curativi di alcune parti del corpo. La IUCN lo classifica tra le specie a rischio minimo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Petaurista philippensis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Walston, J., Duckworth, J.W. & Molur, S. 2008, Petaurista philippensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi