Peko Dapčević

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peko Dapčević
Peko Dapčević (1944).jpg
25 giugno 1913 - 13 febbraio 1999
Soprannome Petar Dapčević
Nato a Cetinje
Morto a Belgrado
Cause della morte morte naturale
Dati militari
Paese servito Jugoslavia Jugoslavia
Forza armata *Brigate Internazionali
*Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia
*Jugoslovenska narodna armija
Guerre *Guerra civile spagnola
*Seconda guerra mondiale
Campagne Fronte jugoslavo (1941-1945)
Battaglie Insurrezione del Montenegro
Battaglia della Neretva
Battaglia della Sutjeska
Liberazione del Montenegro
Offensiva di Belgrado
Battaglia dello Srem
Comandante di Distaccamenti partigiani del Montenegro
4ª Brigata proletaria d'assalto montenegrina
2ª Divisione proletaria
II Korpus
I Korpus
1ª Armata jugoslava

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Petar "Peko" Dapčević (Cetinje, 25 giugno 1913Belgrado, 13 febbraio 1999) è stato un partigiano e generale jugoslavo.

Militante comunista e veterano della Guerra civile spagnola, prese parte fin dall'inizio alla Resistenza partigiana jugoslava contro le potenze occupanti dell'Asse, dimostrandosi tra i più abili e tenaci comandanti dell'Esercito di Liberazione. In particolare svolse un ruolo decisivo nell'insurrezione del Montenegro, nella drammatica battaglia della Neretva e nella vittoriosa offensiva in Serbia del 1944 culminata con la liberazione da parte delle sue truppe della capitale Belgrado.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1913 in un villaggio montenegrino vicino all'allora capitale Cetinje in una famiglia agiata e si laureò in giurisprudenza. Nel 1933 si iscrisse al Partito Comunista. Partecipò alla Guerra di Spagna fino al 1939, raggiungendo i gradi di capitano. Rientrato nel Montenegro, visse per due anni in clandestinità per poi porsi alla guida del distaccamento di guerriglieri del Lovćen.

Dapčević insieme ai suoi partigiani.

In breve, divenne comandante del quartier generale dell'EPL nel Montenegro e successivamente della 2ª Divisione proletaria, partecipando alla battaglia della Neretva[1] e alla battaglia della Sutjeska, e poi del II Korpus (settembre 1943)[2], nel quale fu inquadrata anche la Divisione Garibaldi dell'Esercito Italiano[3].

A luglio 1944 venne trasferito al comando del I Korpus e diresse le operazioni in Serbia che culminarono in ottobre con la vittoriosa offensiva di Belgrado; i partigiani di Dapčević sconfissero i tedeschi e, in collaborazione con le unità corazzate dell'Armata Rossa, liberarono la capitale entro il 20 ottobre 1944. Dopo la brillante vittoria, Dapčević ricevette il comando della 1ª Armata jugoslava con la quale combatté sul difficile fronte dello Srem per tutto l'inverno 1944-45.

Dopo la guerra Dapčević è stato Capo di Stato Maggiore dell'Esercito e poi ambasciatore in Grecia[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Durante la quale riuscì a liberare 4000 feriti accerchiati dai Tedeschi in Bosnia. Cfr. Giacomo Scotti, Ventimila caduti, Mursia, 1970, cit. in Lando Mannucci, Per l'onore d'Italia - La Divisione italiana partigiana "Garibaldi" in Jugoslavia dall'8 settembre 1943 all'8 marzo 1945, 2ª edizione, Roma, 1994 (1985), pag. 39.
  2. ^ Scotti, op. cit.
  3. ^ Mannucci, op. cit., pag. 24.
  4. ^ Scotti, op. cit.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Capo di stato maggiore generale dell'Armata Popolare Jugoslava Successore Logo of the JNA.svg
Koča Popović 27 gennaio 1953 - 29 aprile 1955 Ljubo Vučković
Controllo di autorità VIAF: (EN8713450 · ISNI: (EN0000 0001 0868 2569 · BNF: (FRcb12959783n (data)