Paul Gross

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paul Michael Gross (Calgary, 30 aprile 1959) è un attore, regista e musicista canadese, noto soprattutto per il ruolo di Benton Fraser nella serie televisiva Due poliziotti a Chicago (1994-1999).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un colonnello dell'esercito canadese[1], durante l'infanzia e la giovinezza soggiorna con la famiglia, seguendo gli spostamenti del padre, negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Germania.

Debutta nella recitazione in età adolescenziale girando alcuni spot televisivi: nel 1980 lascia l'Università di Alberta[1] al terzo anno (finirà gli studi successivamente) per dedicarsi al teatro. Durante gli anni ottanta partecipa a molti ruoli, soprattutto in opere di Shakespeare: nel 1985 è Romeo al Toronto Free Theatre[2] che gli fa guadagnare una nomination al Dora Mavor Moore Award, premio che si aggiudica tre anni dopo per l'interpretazione di Kenneth Pyper in Observe the Sons of Ulster Marching Towards the Somme dell'irlandese Frank McGuinness[1]. Nel 2000 torna a teatro per recitare in Amleto[2].

Carriera televisiva e regie[modifica | modifica wikitesto]

Dopo alcune partecipazioni minori in film e serie televisive trova la sua affermazione presso il grande pubblico nei 67 episodi di Due poliziotti a Chicago, serie creata da Paul Haggis, Premio Oscar nel 2006.

Nel 2002 debutta alla regia con la commedia Men With Brooms; nel 2008 la sua seconda prova registica, con il film di guerra Passchendaele, di cui è interprete, sceneggiatore e produttore.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con l'attrice canadese Martha Burns dal 1988, la coppia ha due figli.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Paul Gross, thecanadianencyclopedia.com. URL consultato il 1º maggio 2014.
  2. ^ a b Paul's stage roles, paulgross.org. URL consultato il 1º maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN38976446 · ISNI (EN0000 0001 1470 9131 · LCCN (ENno97009547 · GND (DE1082101591 · BNF (FRcb14183689h (data)