Patrick Ness

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patrick Ness

Patrick Ness (Fort Belvoir, 17 ottobre 1971) è uno scrittore britannico.

È noto per avere scritto Sette minuti dopo la mezzanotte (A Monster Calls), dal quale è stato tratto l'omonimo film nel 2016 con la regia di Juan Antonio Bayona, e per la trilogia Chaos (Chaos Walking).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Patrick Ness è nato negli Stati Uniti, nella base militare di Fort Belvoir, nei pressi di Alexandria, in Virginia, dove suo padre era un sergente dell'esercito degli Stati Uniti. Con la famiglia sì trasferì poi alle Hawaii, dove ha vissuto fino all'età di sei anni, poi trascorse i successivi dieci anni nello stato di Washington, prima di trasferirsi a Los Angeles. Ness ha studiato letteratura inglese alla University of Southern California.

Ha pubblicato il suo primo racconto sulla rivista Genre nel 1997, e stava lavorando al suo primo romanzo quando si trasferì a Londra nel 1999.

Ness è stato naturalizzato come cittadino britannico nel 2005 e si è fidanzato con il suo partner nel 2006, meno di due mesi dopo che entrò in vigore il Civil Partnership Act. Nell'agosto 2013, Ness e il suo compagno si sono sposati dopo la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso in California.

Ness ha insegnato scrittura creativa all'Università di Oxford e ha scritto e per il Daily Telegraph, il Times Literary Supplement, il Sunday Telegraph e per il Guardian.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sette minuti dopo la mezzanotte (A Monster Calls, 2011), Mondadori 2012 - Da un'idea di Siobhan Dowd
  • Trilogia Chaos:
  1. La fuga (The Knife of Never Letting Go, 2008), Mondadori, 2015 (il libro era stato già pubblicato con il titolo Il buco nel rumore da Rizzoli nel 2008)
  2. Il nemico (The Ask and the Answer, 2009), Mondadori, 2015
  3. La guerra (Monsters of Men, 2010), Mondadori, 2016
  • More Than This, 2013
  • The Rest of Us Just Live Here, 2015

Film tratti dalle sue opere[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN88114296 · ISNI: (EN0000 0001 2018 5127 · LCCN: (ENnb2003094253 · GND: (DE137410670 · BNF: (FRcb160363524 (data)