Premi Goya 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Premio Goya.

Il tappetto rosso della 31ª edizione

La cerimonia di premiazione della 31ª edizione dei Premi Goya ha avuto luogo il 4 febbraio 2017 al Centro de Congresos Príncipe Felipe di Madrid, presentata per la terza volta consecutiva da Dani Rovira.

Le candidature sono state annunciate il 14 dicembre 2016 nella sede dell'Academia de las Artes y las Ciencias Cinematográficas de España; il film che ha ricevuto più candidature è stato Sette minuti dopo la mezzanotte di Juan Antonio Bayona con 12 candidature, seguito a ruota da L'uomo dai mille volti di Alberto Rodríguez e La vendetta di un uomo tranquillo di Raúl Arévalo con 11 candidature.

Vincitori e candidati[modifica | modifica wikitesto]

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati. Sono indicati i titoli italiani; tra parentesi il titolo originale del film.

Miglior film[modifica | modifica wikitesto]

Raúl Arévalo e Juan Antonio Bayona

Miglior regista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Álamo e Emma Suárez

Miglior attrice protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attrice non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regista esordiente[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore rivelazione[modifica | modifica wikitesto]

Migliore attrice rivelazione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sceneggiatura originale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sceneggiatura non originale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior produzione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior montaggio[modifica | modifica wikitesto]

Miglior colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Miglior canzone[modifica | modifica wikitesto]

Miglior scenografia[modifica | modifica wikitesto]

Migliori costumi[modifica | modifica wikitesto]

Miglior trucco e/o acconciatura[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sonoro[modifica | modifica wikitesto]

Migliori effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior documentario[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film europeo[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film straniero in lingua spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Miglior cortometraggio di finzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Timecode, regia di Juanjo Giménez Peña
  • Bla, bla, bla, regia di Alexis Morante
  • En la azotea, regia di Damià Serra
  • Graffiti, regia di Lluís Quílez Sala

Miglior cortometraggio documentario[modifica | modifica wikitesto]

  • Cabezas habladoras, regia di Juan Vicente Córdoba
  • Esperanza, regia di Álvaro Longoria
  • Palabras de caramelo, regia di Juan Antonio Moreno Amador
  • The Resurrection Club, regia di Guillermo Abril e Álvaro Corcuera

Miglior cortometraggio d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Ana Belén
  • Decorado, regia di Alberto Vázquez
  • Darrel, regia di Alan Carabantes Person e Marc Briones Piulachs
  • Made in Spain, regia di Coke Riobóo
  • Uka, regia di Valle Comba Canales

Premio Goya alla carriera[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema