Parco archeologico greco-romano di Catania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco Archeologico greco-romano di Catania
Ingresso al Teatro Romano di Catania.jpg
La sede del parco al civico 266 di via Vittorio Emanuele II a Catania
Civiltàgreca - romana
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneCatania

Il Parco archeologico greco-romano di Catania (nome completo Parco archeologico greco romano di Catania e delle aree archeologiche dei comuni limitrofi)[1] è stato istituito dalla Regione Siciliana con D.D.G. n. 1513 del 12.07.2010 e comprende aree archeologiche e museali site per la maggior parte nella città di Catania[2].

Finalità[modifica | modifica wikitesto]

Il parco si occupa di ricerca, manutenzione, valorizzazione e fruizione di circa un centinaio fra siti e monumenti archeologici, nonché della tutela di diverse migliaia di reperti, tra cui le migliaia di reperti della stipe votiva di piazza San Francesco. Tra i siti gestiti nel territorio comunale di Catania quelli la cui apertura al pubblico è garantita con orari regolari sono l'anfiteatro, il teatro, l'odeon, le terme della Rotonda. Sono ancora soggetti a lavori per la fruizione le terme dell'Indirizzo, mentre altre aree archeologiche quali il foro o il cosiddetto Ipogeo Quadrato sono visitabili su prenotazione. Per garantire la fruizione dei reperti archeologici trovati a Catania sono state realizzate due sezioni espositive, Casa Pandolfo e Casa Libérti, entrambe ospitate presso il teatro romano e costituenti l'antiquarium regionale del Teatro romano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]