Pap Khouma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pap Abdoulaye Khouma (Dakar, 1957) è uno scrittore e giornalista senegalese naturalizzato italiano.

Senegalese di nascita, italiano per adozione, Pap Khouma appartiene alla confraternita dei Muride. È immigrato in Italia nel 1984, stabilendosi a Milano, dove si occupa di cultura e letteratura. È iscritto all'Albo dei giornalisti stranieri dal 1994 ed è cittadino italiano.

Ha pubblicato, firmato con Oreste Pivetta nel 1990, Io, venditore di elefanti, che narra la storia dello stesso Khouma alle prese con il duro destino di venditore ambulante e immigrato. Nel 2005 pubblica Nonno Dio e gli spiriti danzanti e nel 2010 Noi neri italiani.

Conoscitore di quattro lingue (wolof, francese, inglese e italiano), lavora attualmente in una libreria milanese. È il direttore di El Ghibli, rivista online di letteratura ed è una figura molto nota nella letteratura migrante in Italia di cui è un esponente. Le sue opere hanno notevolmente contribuito alla nascita della nuova letteratura scritta in italiano dagli scrittori e dai poeti non italiani[1]. È fondatore e direttore responsabile di Assaman, una rivista online di informazione italo-africana[2].

Nel 2013 è stato candidato alle elezioni regionali in Lombardia nella sottoscrizione di Milano con SEL a sostegno del candidato di Centro Sinistra Umberto Ambrosoli[3].

Vive e lavora a Milano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ El-Ghibli.org - Letteratura della migrazione - anno 8, numero 34 - December 2011, su el-ghibli.provincia.bologna.it. URL consultato il 12 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2014).
  2. ^ Assaman - Rivista Italo Africana, su assaman.info. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  3. ^ la repubblica, Pap Khouma:Liste nella circoscrizione di Milano, su repubblica.it. URL consultato il 12 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49094477 · ISNI (EN0000 0000 8228 0173 · LCCN (ENnr92035883 · WorldCat Identities (ENlccn-nr92035883