Paolo De Benedetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

« ... dobbiamo pensare il paradiso non come è raffigurato dagli affreschi delle chiese, ma come recupero delle piccole cose, dei particolari, delle cose che appaiono a noi insignificanti »

(Paolo De Benedetti, Teologia degli animali[1])

Paolo De Benedetti (Asti, 23 dicembre 1927Asti, 11 dicembre 2016[2]) è stato un teologo e biblista italiano.

Nato in una famiglia di religione giudaica, è stato docente di Giudaismo alla Facoltà teologica dell'Italia settentrionale di Milano e di Antico Testamento agli Istituti di scienze religiose delle università di Urbino e Trento.

Attività e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Tra i libri pubblicati: La morte di Mosè e altri esempi (Bompiani 1978, Morcelliana 2005); Ciò che tarda avverrà (Qiqajon 1992); Quale Dio? Una domanda dalla storia (Morcelliana 1996); E il loro grido salì a Dio. Commento all'Esodo (Morcelliana 2002); Nonsense e altro (Scheiwiller, 2002); Teologia degli animali (Morcelliana 2007); Il filo d'erba (Morcelliana 2009). Ha realizzato dei cicli monografici per la trasmissione di Radio Tre Uomini e Profeti, curata da Gabriella Caramore.[3] Per molti anni direttore editoriale in alcune delle maggiori case editrici italiane, è tra i curatori del Dizionario Bompiani delle Opere e degli Autori.[4]

Di lui hanno parlato Carlo Maria Martini, Amos Luzzatto, Agnese Cini, Umberto Eco, Salvatore Natoli, Laura Novati e altri in Il settantunesimo senso. Omaggio a Paolo de Benedetti (Humanitas, gennaio-febbraio 2006).[5] Piergiorgio Cattani ha dedicato al suo pensiero Dio sulle labbra dell'uomo. Paolo De Benedetti e la domanda incessante (Il Margine, Trento, 2006).

Nel giugno del 2011 ha ricevuto nell'ambito del Festival Internazionale della Cultura ebraica di Casale Monferrato il Premio OyOyOy!, prima di lui assegnato a Emanuele Luzzati, David Grossman, Abraham Yehoshua e Amos Oz.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La teologia degli animali[modifica | modifica wikitesto]

« Io credo... che l'animale, compagno di tante solitudini, di tante tristezze, in misura varia secondo la sua coscienza - affermo e ripeto coscienza - ci accompagnerà anche nell'altra vita, e non ci si chieda di spiegare il perché »

(Paolo De Benedetti, Teologia degli animali[6])

Paolo De Benedetti ha concentrato alcuni suoi studi teologici sulla teologia degli animali, ossia sulla possibilità, in un'ottica giudaico-cristiana, che gli animali e tutti gli esseri viventi possano rientrare nel piano di salvezza divino realizzato per l'uomo. La sensibile sofferenza patita dagli animali, la loro "intrinseca fragilità", fanno intuire al teologo la possibilità di un loro escatologico riscatto finale: "... lo sguardo dell'animale che patisce, - al pari di quello del bambino che soffre, dell'uomo che muore, del perseguitato inerme - 'mostra', in maniera inequivocabile, da che parte inclina - non so se si possa davvero dire così - lo sguardo di Dio" (Gabriella Caramore, premessa a Teologia degli animali, pp. 7–8). Lo stesso Messia sofferente, secondo De Benedetti, "... appare negli occhi di un cane che muore" (p. 82).

Il filo d'erba[modifica | modifica wikitesto]

Ispirandosi a una novella pirandelliana, Canta l'epistola, De Benedetti ricollega la figura del protagonista, Tommasino, a quella de L'idiota di Dostoevskij,[7] e associa l'affetto che egli nutre per un filo d'erba all'idea cristica di "prossimo", poiché tutto ciò che esiste è creatura.[8] Il gemito della creazione nelle doglie del parto descritto da Paolo di Tarso nella Lettera ai Romani (8,19-22), è anche nella pretesa umana di una restituzione di tutta la vita, della vita non solo nostra ma di tutto ciò che l'aveva.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo De Benedetti, Teologia degli animali, Morcelliana 2007, p.78
  2. ^ * Antonio Gnoli, "È morto Paolo De Benedetti, il teologo che 'offrì' la salvezza anche agli animali", repubblica.it. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  3. ^ Letture e Monografie di Uomini e Profeti su radio.rai.it
  4. ^ Omaggio a Paolo De Benedetti, su ilfoglio.info
  5. ^ Domande Incontro con Paolo De Benedetti, su radio.rai.it
  6. ^ Paolo De Benedetti, Teologia degli animali, Morcelliana 2007, p.55
  7. ^ Paolo De Benedetti, Il filo d'erba, Morcelliana 2009, p.5
  8. ^ Paolo De Benedetti, Il filo d'erba, p.27
  9. ^ Paolo De Benedetti, Il filo d'erba, p.33

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità SBN: IT\ICCU\RAVV\031115