Pallante (gigante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pallante o Pallade nella mitologia greca era un gigante dall'aspetto di caprone e dotato di ali. Era figlio del Tartaro e di Gea.

Secondo una tradizione, era padre di Pallade Atena e cercò di rapirla e violentarla, venendone ucciso. Per un'altra tradizione ciò accadde durante la Gigantomachia, la lotta fra gli dèi e i Giganti.

In entrambi i casi Atena ne avrebbe preso il nome a causa della vittoria, e la pelle per costruire l'Egida. Ma un altro Pallante, era titano tutore della Saggezza. L'olimpica Atena avrebbe avuto tutto l'interesse ad arrogarsi il titolo del pelasgico Pallade, e questo spiega il fatto di assumerne il nome.

Ma il nome di pallas, "vergine", non è adatto a un gigante (né a un titano). E molti ricordano che l'egida di Atena fu fatta con la pelle della Gorgone Medusa, che Atena scorticò dopo che Perseo l'ebbe decapitata.

Alcuni negano che i due "Pallante" fossero la stessa persona.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca