Painite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Painite
Painite-255207.jpg
Classificazione StrunzV/G.05-40
Formula chimicaCaZrB[Al9O18]
Proprietà cristallografiche
Gruppo puntuale6/m
Gruppo spazialeP 63/m
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La painite è un minerale borato molto raro. Fu trovato in Birmania nel 1950 e costituisce il primo di una nuova specie minerale. La composizione chimica della painite contiene calcio, zirconio, boro, alluminio e ossigeno oltre a tracce di cromo e vanadio. La painite ha una colorazione che può variare dal rosso-arancione al marrone, dovuta alle tracce di ferro. I suoi cristalli sono di forma esagonale.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Per molti anni, si sapeva dell'esistenza di soli tre piccoli cristalli di painite. Prima del 2005 furono trovati meno di 25 cristalli. Più recentemente, sono stati scoperti altri campioni di painite in una nuova posizione nel nord del Myanmar. Alcune esplorazioni nella regione del Mogok hanno individuato diversi nuovi casi di painite che sono stati studiati e che hanno portato alla scoperta di diverse migliaia di nuovi esemplari.[1] La maggior parte dei frammenti trovati sono cristalli incompleti scuri e opachi. Un modesto numero di cristalli trasparenti sono stati conservati sotto forma di cristalli o tagliati in gemma. Originariamente alcuni dei campioni noti di painite erano di proprietà privata. Il resto delle pietre è stato distribuito tra Museo di storia naturale, Gemological Institute of America, California Institute of Technology e GRS Gem Research Laboratory a Lucerna, Svizzera.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Webmin, su webmineral.com.
Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia