Osvaldo Peruzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Osvaldo Peruzzi (Milano, 1907Livorno, 30 dicembre 2004) è stato un pittore italiano. Aderente al futurismo e esponente dell'aeropittura è stato attivo fino al 2004[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1933 partecipa alle mostre Omaggio futurista a Umberto Boccioni (Galleria Pesaro di Milano) di Palazzo Ferroni a Firenze, alla prima mostra nazionale d'arte futurista di Roma e a cura di Marinetti, Fillia e Mino Rosso alla mostra nazionale futurista (Bottega d'arte di Livorno).

Nel 1934 è presente alla Mostra di Aeropittura futurista in Germania (Amburgo).

Dagli anni trenta a inizio anni quaranta, partecipa alle Biennali e Quadriennali svoltesi in quel decennio.

Nel 1981 il critico d'arte Marzio Pinottini curò una personale di Osvaldo Peruzzi a Torino tenutasi alla Galleria Narciso

Nel 2001 ha partecipato alla esposizione retrospettiva “Futurismo 1909 – 1944” a Roma (Palazzo delle Esposizioni di Roma).

Ha collaborato a diverse riviste futuriste: tra esse, negli anni trenta a cura di Fillia: “La città nuova” e “Stile futurista”; nel secondo dopoguerra, anni settanta e ottanta con Enzo Benedetto e la rivista “Futurismo Oggi".

Nel 1941 pubblicò il manifesto “Plastica delle essenze individuali”.

Su Osvaldo Peruzzi hanno scritto diversi critici d'arte [2] e giornali[3], tra cui Enrico Crispolti, Massimo Duranti,Luigi Tallarico, Marzio Pinottini, Antonio Caggiano.

Il Fondo Osvaldo Peruzzi[4], presso la Fondazione Primo Conti, conserva e documenta l'intera opera dell'artista[5].

Sue opere sono esposte a Livorno presso la Fondazione Livorno[6].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Un suo quadro, "Quartetto Jazz" (1972), appare sulla copertina del libro di Andrea Pellegrini e Maurizio Mini "Livorno dalla musica americana al Jazz", Erasmo ed., Livorno 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marzio Pinottini, “Peruzzi futurista. Presentato da F. T. Marinetti. Con un manifesto del 1941. Oli e collages 1932 ”, Scheiwiller-all'insegna del pesce d'oro, Milano, 1981.
  • Enrico Crispolti, “Osvaldo Peruzzi. Attraverso e dopo il Futurismo ”, Debatte, Livorno 1998, ISBN 8886705018.
  • Massimo Duranti, “Osvaldo Peruzzi. L'ultimo futurista”, effe, 2005.
  • Dario Matteoni, "Osvaldo Peruzzi - Catalogo generale", Mondadori Electa, Milano 2014, www.electaweb.com
Controllo di autoritàVIAF (EN77121667 · ISNI (EN0000 0001 1493 817X · LCCN (ENn82050811 · GND (DE119257726 · BNF (FRcb150707994 (data) · ULAN (EN500085270
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie