Ordine Esecutivo 11110

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ordine esecutivo 11110)

L'ordine esecutivo 11110 fu un ordine esecutivo firmato il 4 giugno 1963 dal presidente degli Stati Uniti John Kennedy. Esso delegava al segretario del tesoro USA il potere, già attribuito al Presidente dall'Agricultural Adjustment Act del 1933, di emettere certificati argentei (silver certificates).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fu emesso in variazione del precedente Ordine Esecutivo 10289 del 1951, emesso dal Presidente Harry Truman.

L'ordine dava al Ministero del Tesoro il potere di «...emettere certificati d'argento contro ogni lingotto d'argento, argento o dollari standard argentei del tesoro non tenuti per il rimborso di certificati d'argento preesistenti, di prescrivere la denominazione di questi certificati d'argento e di coniare gli "standard silver dollars" e le valute complementari rimborsabili in argento».

Anche se non venne mai formalmente abrogato, la sezione 1(j) dell'ordine esecutivo 10289, che era stata aggiunta dalla sezione 1(a) dell'ordine esecutivo 11110, venne revocata da Ronald Reagan con l'ordine esecutivo 12608 del 1987, nell'ambito di una vasta ristrutturazione generalizzata del corpus degli Ordini Esecutivi.[1]

Teorie del complotto[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Teorie_del_complotto_sul_signoraggio § Lincoln_e_Kennedy.

Per alcuni sostenitori di teorie del complotto l'ordine 11110 fu la causa che portò all'assassinio di JFK[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]