Oitylo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oitylo
frazione
Οίτυλο
Oitylo – Veduta
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
PeriferiaPeloponneso
Unità perifericaLaconia
ComuneAnatoliki Mani
Territorio
Coordinate36°42′N 22°23′E / 36.7°N 22.383333°E36.7; 22.383333 (Oitylo)Coordinate: 36°42′N 22°23′E / 36.7°N 22.383333°E36.7; 22.383333 (Oitylo)
Altitudine251 m s.l.m.
Superficie218,582 km²
Abitanti5 203 (2001)
Densità23,8 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale230 66
Prefisso27330
Fuso orarioUTC+2
TargaAK
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Oitylo
Oitylo
Sito istituzionale

Oitylo (in greco Οίτυλο /'itilo/), chiamato in passato anche Vitylo, è un ex comune della Grecia nella periferia del Peloponneso di 5.203 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

È stato soppresso a seguito della riforma amministrativa detta Programma Callicrate in vigore dal gennaio 2011[2] ed è ora compreso nel comune di Anatoliki Mani. È una delle cittadine più antiche della Penisola Maina ed è stata menzionata da Omero nell'Iliade con il nome di Oetylοs (Οίτυλος) come parte del regno di Menelao.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pirateria[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo romanzo L'arcipelago in fiamme, Jules Verne descrive gli abitanti della Vitylo ottocentesca come un insieme di persone semi-selvagge dedite a saccheggiare le navi di passaggio, attirate con tranelli nelle secche che circondano il porto. Durante il medioevo la città divenne una dei centri urbani più importanti della penisola.

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è diviso nelle seguenti comunità:

  • Alika
  • Ano Boularioi
  • Areopoli
  • Dryalos
  • Germa
  • Gerolimenas
  • Kareas
  • Kelefa
  • Koita
  • Kounos
  • Kryoneri
  • Mina
  • Neo Oitylo
  • Oitylo
  • Pyrgos Dirou
  • Tsikkalia
  • Vachos
  • Vatheia

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2001 (XLS), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ Programma Callicrate (PDF), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia