Oh Boy - Un caffè a Berlino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oh Boy - Un caffè a Berlino
Oh Boy (film).png
Niko
Titolo originale Oh Boy
Paese di produzione Germania
Anno 2012
Durata 83 min
Colore b/n
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Jan Ole Gerster
Sceneggiatura Jan Ole Gerster
Produttore Marcos Kantis, Martin Lehwald, Michal Pokorny, Alexander Wadouh
Produttori associati: Jan Ole Gerster, Tom Schilling, Timon Modersohn
Casa di produzione Schiwago Film, Chromosom Filmproduktion, Hessischer Rundfunk, ARTE
Distribuzione (Italia) Academy Two
Fotografia Philipp Kirsamer
Montaggio Anja Siemens
Musiche The Major Minors e Cherilyn MacNeil
Scenografia Juliane Friedrich
Costumi Ildiko Okolicsanyi e Juliane Maier
Trucco Dana Bieler
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Oh Boy - Un caffè a Berlino (Oh Boy) è un film del 2012 scritto e diretto da Jan Ole Gerster.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Niko Fischer è un ventenne che attraversa un momento tutt'altro che definito della sua vita. Lascia la ragazza e abbandona l'università, per scarso interesse nei confronti di entrambe; il padre gli taglia il sostegno mensile e lo invita a farsi da solo una propria vita, guadagnandosela, soprattutto. Ma la "giornata no" di Niko continua tra uno psicologo che gli conferma la sospensione della patente, un vicino di casa bisognoso di sfogo, una ex-compagna di scuola colma di rancori (ma capace, anche, di tanta verità "psicologica", conseguita attraverso la sofferenza, e non scevra d'una certa aggressività), la vita fallimentare di un talentuoso attore... ed altro, compresa una riflessione, indiretta, sul significato della morte. Film girato in un ottimo bianco e nero, Niko rappresenta una generazione di giovani apparentemente senza alcuna prospettiva che non sia una (blanda) ricerca di sé, e con un solo (apparente) desiderio concreto: bersi un caffè normale!

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema