Oenosaurus muehlheimensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oenosaurus muehlheimensis
Oenosaurus muehlheimensis lower jaws.png
Osso mascellare di O. muehlheimensis
Stato di conservazione
Fossile
Periodo di fossilizzazione: Giurassico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Lepidosauromorpha
Superordine Lepidosauria
Ordine Rhynchocephalia
Famiglia Sphenodontidae
Sottofamiglia Sphenodontinae
Genere Oenosaurus
Rauhut et al., 2012
Specie † O. muehlheimensis
Nomenclatura binomiale
Oenosaurus muehlheimensis
Rauhut et al., 2012

Oenosaurus muehlheimensis Rauhut et al., 2012 è un rettile estinto, appartenente ai rincocefali. Visse nel Giurassico superiore (Titoniano, circa 150 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Germania.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale è noto per un cranio fossile, che ha permesso di riconoscere un piccolo rappresentante del gruppo dei rincocefali. Oenosaurus possedeva un cranio robusto, lungo circa 26 millimetri e largo 28 millimetri, di forma pressoché triangolare se visto dall'alto e di aspetto simile a quello degli altri rincocefali. La peculiarità di questo animale era data dalla dentatura, unica fra tutti i tetrapodi. Essa consisteva in due massicce piastre dentarie a crescita continua, presenti sia nella mascella che nella mandibola, costituite da minuscoli elementi tubolari vicinissimi fra loro, sostanzialmente fusi insieme e costituiti a loro volta da livelli concentrici di dentina.

Paleobiologia[modifica | modifica wikitesto]

L'unicità della dentatura di Oenosaurus rende difficile ipotizzare lo stile di vita di questo animale. È possibile che si nutrisse di molluschi, dei quali frantumava il guscio grazie alle piastre dentarie.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Oenosaurus venne descritto per la prima volta nel 2012, sulla base di un fossile ritrovato nella formazione Mörnsheim, in Baviera (Germania meridionale). La formazione è immediatamente successiva a quella del ben noto giacimento di Solnhofen. Oenosaurus è un membro dei rincocefali, come si denota grazie ad alcune caratteristiche del cranio (ad esempio un alto processo coronoide nella mandibola, un processo dell'osso dentale che si estende posteriormente al processo coronoide e un grande forame mandibolare). Un'analisi cladistica effettuata nello studio del 2012 indica che Oenosaurus, nonostante le peculiarità dentarie, potrebbe essere vicino alla forma attuale Sphenodon, e strettamente imparentato ad altri rincocefali estinti come Zapatodon e Cynosphenodon.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Oenosaurus muehlheimensis, in Fossilworks. URL consultato il 19 luglio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]