Nadia Cavalera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nadia Cavalera (Galatone, 20 settembre 1950) è una poetessa e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Galatone (Lecce), dopo una parentesi a Brindisi, dove ha svolto attività giornalistica, in campo prettamente culturale (presso il Quotidiano di Brindisi, Lecce e Taranto, 1982 - 1988), vive a Modena. Unica poetessa presentata in "Terza Ondata" [1], che stigmatizza l'avanguardia dell'ultimo Novecento, Nadia Cavalera nelle sue opere ha scritto in latino, americano e dialetto galateo.

Ha fondato due riviste: a Brindisi, Gheminga (1988, 0-3), la prima rivista esclusivamente letteraria della città; a Modena, con il poeta Edoardo Sanguineti, Bollettario (1990 - ), quadrimestrale di scrittura e critica, tuttora in corso. Dal 2005 presiede il Premio Alessandro Tassoni (poesia, narrativa, teatro, saggistica), organizzato dall'Associazione Le Avanguardie, da lei diretta dal 1989. In alcuni numeri di Bollettario evidenzia il proprio impegno civile, sociale e politico.

I suoi scritti sono presenti in diverse antologie [2] e ha collaborato con diverse testate specialistiche [3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • I palazzi di Brindisi, Fasano, Schena editore, 1986 - racconti storici con rassegna fotografica dei maggiori palazzi della città (presentazione di Marcello Strazzeri)
  • Nottilabio, Roma, La città della luna, 1995 - racconti sperimentali (presentazione di Giorgio Celli)

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amsirutuf: enimma, Torino, Tam Tam, 1988 (presentazione di Adriano Spatola)
  • Vita Novissima, Modena, Bollettariolibri 1992 - 101 poesie
  • Americanata, Modena, Bollettariolibri 1993 - 31 poesie in americano con lo pseudonimo di Marie Donna Lancaster
  • Ecce Femina, Napoli, Altri termini, 1994 - 101 poesie in latino, con lo pseudonimo di Annia Aurelia Galeria Lumilla Augusta - (presentazione di Marcello Carlino)
  • Brogliasso, Modena, Gheminga 1996 - mix sperimentale di varie testualità (presentazione di Giorgio Barberi Squarotti)
  • Salentudine, Venezia, Marsilio 2004 - 103 limerick in dialetto galateo
  • Superrealisticallegoricamente, Roma, Fermenti, 2005 - poesie/prose/opere verbo-visive, (presentazione di Donato Di Stasi). Il libro è stato (con quelli dei poeti Franco Buffoni e Valerio Magrelli) tra i tre finalisti/vincitori del Premio L'Aquila - CarispAq 2006, e Premio Astrolabio della Giuria, Pisa, 2009
  • Spoesie, Roma, Fermenti, 2010 (introduzione di Mirella Serri)
  • L'astutica ergocratica, Novi Ligure (Alessandria), Joker, 2011 (introduzione di Daniele Maria Pegorari)

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Corso Canalchiaro 26 Interviste, saggi interventi negli anni di "Bollettario", Venezia, Marsilio 2010, introduzione di Franco Ferrarotti

Curatela[modifica | modifica wikitesto]

  • Sebastiano Cavalera, La vita è eterna, romanzo postumo, Foggia, Bastogi, 1986


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (Bologna, Synergon 1993, a cura di Filippo Bettini e Roberto Di Marco)
  2. ^ Primule gialle (La vallisa, Bari, 1989), a cura di Anna Santoliquido; Le Donne della poesia (Laboratorio delle arti, Milano, 1991), a cura di Domenico Cara; Poeti contro la mafia (La luna, Palermo1994), a cura di Filippo Bettini; Poesia a comizio, a cura di Francesco Muzzioli e Marcello Carlino, Roma, Empiria 2008; Gli alberi (Paludi, Ferrari, 2008), a cura di Anna Lauria; La poesia di ricerca in Italia (Cirps, Roma 2001), CD a cura di F.Muzzioli; ecc.
  3. ^ Sallentum, Anno IX, nn. 1.2.3 Genn. - Dic. 1986; Il Rosone, Anno X . nn 3-4 - maggio - agosto 1987; Il Segnale, Anno XXVI, n. 77, giugno 2007; Zeta, Anno XXX, N.2 - 2008; ecc..

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN16293163 · SBN: IT\ICCU\CFIV\056885