Monica Lewinsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monica Lewinsky nel 2014

Monica Samille Lewinsky (San Francisco, 23 luglio 1973) è una psicologa ed ex stagista della Casa Bianca che, a seguito di una relazione sessuale con il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, finì al centro dello scandalo sexygate.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Monica Lewinsky è nata a San Francisco ed è cresciuta nella California meridionale, nel Westside di Los Angeles. Suo padre, Bernard Lewinsky, ebreo tedesco trasferitosi a El Salvador e poi in California per sfuggire al nazismo, è un importante oncologo, mentre la madre, Marcia Kaye Vilensky, è un'autrice figlia di immigrati ebrei provenienti dalla Germania.

Dopo il trasferimento al College di Santa Monica si è laureata in psicologia al Lewis & Clark College a Portland nel 1995. Nell'estate dello stesso anno si trasferì a Washington, poiché venne selezionata per un tirocinio presso la Casa Bianca, durante la presidenza di Bill Clinton.

Il Sexygate[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sexygate.
Monica Lewinsky nel 1997, all'epoca dello scandalo sexygate

La relazione extraconiugale tra Monica Lewinsky e Bill Clinton, che fu celebre soprattutto per gli incontri sessuali nello Studio Ovale della Casa Bianca, consistenti nella pratica della fellatio, cominciò quando la Lewinsky lavorava al dipartimento interno della Casa Bianca nel 1995. Lo scandalo, giornalisticamente noto come Sexygate, ha influenzato molto la seconda presidenza di Clinton, in particolare costringendo quest'ultimo a subire un lungo procedimento giudiziario per le accuse di spergiuro seguite alle sue dichiarazioni in merito alla vicenda rilasciate nel corso del processo per un caso di presunte molestie sessuali nei confronti della giornalista Paula Jones, conosciuta da Clinton quando era governatore dell'Arkansas.

Nel corso del processo il presidente degli Stati Uniti negò di avere avuto relazioni sessuali con Monica Lewinsky. Nel corso della sua testimonianza di fronte al Grand jury del 17 agosto 1998, Clinton ammise invece di avere avuto una "relazione fisica impropria" con la stagista.

La carriera di personaggio pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo lo scandalo, la Lewinsky ha iniziato una carriera di personaggio pubblico, partecipando a trasmissioni televisive e radiofoniche e nel 2004 ha scritto la propria autobiografia. Nel 2015 la donna è tornata a parlare in pubblico della profonda umiliazione mediatica causata dal cyberbullismo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il prezzo della vergogna, ted.com, marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Monica's Story di Andrew Morton (Paperback 1999 Publisher: St. Marshal's Press ISBN 0-312-97362-4).
  • One Scandalous Story: Clinton, Lewinsky, and Thirteen Days That Tarnished American Journalism di Marvin L. Kalb.
  • Our Monica, Ourselves: The Clinton Affair and the Public Interest (Sexual Cultures) di Lauren Berlant e Lisa Duggan.
  • Sesso e potere di Ida Magli, Bompiani, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN847995 · ISNI (EN0000 0001 1436 4778 · LCCN (ENno98108152 · GND (DE120600145 · BNF (FRcb135057415 (data) · BNE (ESXX1375018 (data) · NDL (ENJA00737690 · WorldCat Identities (ENlccn-no98108152
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie