Momo (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Momo
Momofilm87.jpeg
Screenshot del film
Titolo originaleMomo
Paese di produzioneGermania, Italia
Anno1986
Durata101 min
Generefantastico
RegiaJohannes Schaaf
SoggettoMichael Ende (romanzo)
SceneggiaturaMarcello Coscia, Rosemarie Fendel, Johannes Schaaf
FotografiaXaver Schwarzenberger
MontaggioAmedeo Salfa
MusicheAngelo Branduardi
ScenografiaDanilo Donati
CostumiDanilo Donati
Interpreti e personaggi

Momo è un film italo-tedesco del 1986 tratto dall'omonimo romanzo di Michael Ende e diretto da Johannes Schaaf.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tra i resti di un antico anfiteatro viene trovata una bambina, Momo (Radost Bokel). Subito riesce a farsi voler bene dagli abitanti della città, tra cui Beppo lo spazzino (Leopoldo Trieste), Gigi il cantastorie (Bruno Stori), il muratore Nicola (Mario Adorf) e il barista Nino (Ninetto Davoli).

La vita scorre serena, finché un giorno la città non riceve la visita di alcuni strani uomini in grigio che, a detta loro, sono lì per aiutare gli uomini a risparmiare il loro tempo. In realtà, il loro scopo è rubare il tempo agli uomini, rendendoli nevrotici e incapaci di cogliere il senso di ogni momento.

Con l'aiuto del signore del tempo Mastro Hora e della tartaruga Cassiopea, Momo dovrà cercare di ostacolare gli uomini grigi, impedendo che ai suoi amici venga sottratto il loro tempo e che il mondo collassi in un asettico grigiore senza cuore.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Ende, autore del libro da cui è tratto il film, si interessò molto alla lavorazione della pellicola, e vi comparve in un cameo (è l'uomo a cui Mastro Hora racconta la storia di Momo).
  • Il film è stato girato negli studios di Cinecittà.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN205901276 · LCCN: (ENn88064676 · GND: (DE4126037-5