Alessandro Momo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Momo e Agostina Belli sul set di Profumo di donna

Alessandro Momo (Roma, 26 novembre 1956[1]Roma, 19 novembre 1974[2]) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la sua carriera molto giovane, come protagonista in una serie di fotoromanzi per ragazzi, recitando anche con Giusva Fioravanti. Divenuto famoso grazie alle sue interpretazioni al fianco di Laura Antonelli nei film di Salvatore Samperi Malizia e Peccato veniale, morì nelle settimane successive alla fine della realizzazione del film Profumo di donna, di Dino Risi, in cui era co-protagonista al fianco di Vittorio Gassman e Agostina Belli.

Momo morì infatti a soli 17 anni, sette giorni prima di compierne 18, a causa di un incidente in motocicletta avvenuto mentre tentava di sorpassare un taxi sul lungotevere Maresciallo Diaz, vicino allo stadio Olimpico, dopo che era partito da casa sua in via della Farnesina.[3][4]

La moto, una Honda CB 750 Four, gli era stata prestata dalla sua collega e fidanzata, Eleonora Giorgi, partita per un viaggio. L'attrice fu successivamente indagata per incauto affidamento, poiché Alessandro non aveva ancora compiuto i 18 anni di età e non era abilitato alla guida di maximoto, secondo le normative vigenti all'epoca, che prevedevano ancora la maggiore età a ventuno anni. È sepolto nel cimitero del Verano, a Roma.

Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

Qualche tempo dopo, il cantante Patrizio Sandrelli dedicò una canzone alla sua memoria: Fratello in amore.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come indicato sulla sua tomba al Verano.
  2. ^ Archivio La Stampa - È morto Alessandro Momo
  3. ^ Massimo Emanuelli, 50 anni di storia della televisione attraverso la stampa settimanale, Greco & Greco, 2004, p. 289.
  4. ^ La Stampa, 21 novembre 1974 p. 13

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59295264 · ISNI (EN0000 0001 1935 0279 · SBN LO1V266777 · LCCN (ENno98069401 · BNE (ESXX1505954 (data) · BNF (FRcb14207868k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98069401